Alstom, l’azienda chiude alla trattativa

856

All’incontro di ieri al ministero dello Sviluppo economico – con la presenza del viceministro Bellanova, del sindaco di Sesto San Giovanni, di un rappresentante della Regione Lombardia, dei sindacati territoriali e nazionali e dei rappresentanti di Alstom Power Italia e Ge – Alstom Ferroviaria ha rifiutato la proposta del viceministro di attivare un tavolo di confronto con le parti per individuare percorsi in grado di trovare una soluzione alternativa ai licenziamenti. “General electric – scrivono Cgil, Cisl e Uil in una nota – ha sfidato Governo e organizzazioni sindacali con un atteggiamento assolutamente irresponsabile e arrogante, duramente stigmatizzato dallo stesso Governo, rilanciando in modo provocatorio con una proposta inaccettabile”.”Nello specifico, su domanda diretta, l’azienda ha risposto che non ha intenzione di mettere anche la proprietà intellettuale nella vendita ad un possibile acquirente del sito di Sesto e, sottolineato dal viceministro Bellanova come una vera e propria provocazione, l’azienda ha proposto per alcuni degli esuberi delle ricollocazioni – oltre a quelle già proposte nei siti Ge in Piemonte e Toscana – anche nei siti in Puglia e Campania, e licenziamenti incentivati per la quasi totalità dei lavoratori”. Questa mattina è convocata nello stabilimento di Sesto l’assemblea dei lavoratori per decidere le forme di mobilitazioni da mettere in campo. Sabato prossimo, primo ottobre, è stata organizzata un’assemblea pubblica a Sesto San Giovanni.

Commenti FB
Ads

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.