Frontalieri, la reazione di Maroni

618

“Questa mattina ho parlato con il presidente della Repubblica del Cantone Ticino Paolo Beltraminelli circa l’esito del referendum: ci incontreremo la prossima settima, per capire che cosa succede e, soprattutto, da parte nostra, per definire, anche con l’assessore Brianza, le iniziative necessarie a difendere i diritti dei lavoratori lombardi, che ogni giorno vanno a lavorare in Cantone Ticino”. Lo ha annunciato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, questa mattina, durante la conferenza stampa, tenuta con l’assessore al Reddito di autonomia, Inclusione sociale e Post Expo Francesca Brianza, dopo la seduta di Giunta regionale. “Parliamo di lavoratori – ha precisato Maroni – non di immigrati clandestini”. “Da parte sua c’e’ stata la massima disponibilita’ – ha spiegato il presidente -, a collaborare per rafforzare i rapporti di buon vicinato tra Lombardia e Ticino. E’ interesse di entrambe le regioni”.
“Da qui ad allora non cambiera’ nulla – ha assicurato Maroni -. Non c’e’ alcun impatto immediato del referendum, cosi’ come non ci fu dopo il referendum del 6 febbraio 2014, che coinvolse tutta la Confederazione”. “In ogni caso – ha aggiunto -, per evitare che succeda qualche cosa di imprevisto, ci incontreremo e definiremo le iniziative piu’ opportune, per garantire la libera circolazione dei lavoratori e i diritti dei lavoratori frontalieri lombardi”. “Domani a Renzi, a Milano, – ha concluso Maroni – consegnero’ la Proposta di legge che il Consiglio regionale ha approvato il 28 febbraio 2014, per l’istituzione di una Zes-Zona a Economia speciale nelle aree territoriali della Lombardia confinanti con la Svizzera. Venne approvata come risposta al referendum del 2014, per consentire in quelle zone, a 20 chilometri dal confine fiscali e tributarie per gli imprenditori, per contenere il flusso dei lavoratori verso la Svizzera. E’ ancora di attualita’: l’avevamo mandata in Parlamento, ma giace nei cassetti di qualche Commissione, e domani chiedero’ a Renzi di inserirla nella prossima Legge di stabilita’”. (Lnews)

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.