Di Fabio Massa

Finalmente comincia la campagna elettorale. Tutto è andato come il Partito Democratico voleva andasse: candidato unitario e senza primarie. Si chiama Pierfrancesco Majorino, e a Milano lo conoscono tutti. Radicale sui diritti, rappresentante di una sinistra che dialogherebbe volentieri con il Movimento 5 Stelle e molto più difficilmente con il Terzo Polo. Scelta identitaria, quella del Pd regionale. Cerca di blindarsi a sinistra, e così facendo mette in difficoltà anche i pentastellati perché si piazza sulla stessa piastrella di voti: quelli della sinistra-sinistra, lasciando più libera la casella centrale a Moratti&Gelmini. Intanto Pierfrancesco Maran incassa un altro no del partito, e parrebbe anche diventata una abitudine se non fosse che questo no è arrivato dopo una battaglia non personale che ha convinto tantissimi che qualcosa non andava, a livello di gestione della cosa. Il partito si è spezzato, e adesso è responsabilità anche di Maran cercare di ricomporlo. Majorino lo sa: senza Maran rischia di perdere tutta una serie di elettori di centro-centrosinistra che sono comunque attratti da Calenda e Renzi. Per questo ci si immagina una prima opera di pacificazione. Poi, inizierà la campagna. Sarà durissima, perché il tempo è poco e i toni si devono innalzare immediatamente. Majorino attaccherà probabilmente sulla gestione della pandemia, e lo farà mostrando i denti, riportando alla memoria i problemi del 2020. Così facendo prenderà due piccioni con una fava: contro Fontana e contro Moratti. Sul fronte opposto il governatore sta alla finestra, preparando la sua, di campagna. Molto sui temi, molto pacata, con poche polemiche. E’ in discesa, e se la può vivere serenamente. Tornando con la memoria al 2020, alle liti con Conte, al pestaggio quotidiano sui giornali, pare quasi impossibile.

Commenti FB
Articolo precedenteMajorino candidato alle regionali per il centrosinistra: “Sono onorato ed emozionato”
Articolo successivoCiclista investito e ucciso da un camion nel milanese
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.