La battaglia è finita, andate in pace. Parliamoci chiaro: la battaglia su Regione Lombardia è finita, conclusa. Se si votasse oggi, sarebbe assai contendibile anche nelle valli, il che vuol dire che sarebbe un brutto guaio per la Lega di Matteo Salvini. Dire – come fanno alcuni – che Attilio Fontana potrebbe dimettersi è non rendersi conto del fatto che oggi la pressione sul presidente è assai inferiore rispetto a quella dei mesi scorsi. Ed è non rendersi conto che né il Movimento 5 Stelle, né Forza Italia né la Lega in consiglio regionale ha voglia di tornare al voto per vedere il proprio posto sparire magicamente. E proprio nessun consigliere ha voglia di dover spendere altri soldi per una campagna elettorale che tradizionalmente è molto costosa. Detto questo, la battaglia è finita. Chi pensa che la compagine di governo della prima ondata, e in primis Attilio Fontana, sarà il volto delle elezioni fra due anni due (solo sei mesi fa Conte sembrava inamovibile, e invece eccoci qui con Draghi, sic transit gloria mundi), è quantomeno ingenuo. Dunque, la partita è finita. Il centrosinistra ha attaccato e vinto per mesi. Certo, la battaglia nelle aule giudiziarie arriverà prima o poi al termine, e sarà curioso vedere come si concluderanno le inchieste sull’Ospedale in Fiera, sulle Rsa, su Alzano e Nembro e via discorrendo. Ma la battaglia politica, quella è finita. Finita e vinta, dal centrosinistra. Ora ne comincia un’altra, e riguarda sia il centrodestra che il centrosinistra. Quella in cui si mettono insieme le idee alternative, le idee di riforma, le idee di cambiamento. E si prova a iniziare a pensare agli ultimi, ai penultimi, e ai terzultimi. Da destra e da sinistra, altrimenti l’assalto al Parlamento sarà il primo di una lunga serie.

Commenti FB
Ads

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.