Guardare il giocatore e non la palla. Guardare il caso collettivo e non quello singolo. Continua sulle televisioni, nei talk show e con grande attenzione anche sul web il caso di Genovese, lo splendido incredibile ricchissimo e diciamo anche un bel po’ violento imprenditore con la sua Terrazza Sentimento. Ieri sera, da Giletti, è andata in onda la testimonianza della ragazza, che ha raccontato dello stupro, della droga che gli era stata servita. Tutte cose che andranno vagliate dai giudici, e sulle quali noi non ci esprimiamo. Fatemi però dire una cosa, visto che c’è un grumo di schifo che proprio non riesco a digerire. Perché, prima che le ragazze iniziassero a dire la loro verità, un gruppo compatto di opinionisti e opinioniste, di giornalisti, di influencer, avevano già deciso di dipingerle come escort, poco di buono o roba del genere? Forse perché c’è una sottile linea rossa che passa da chi frequentava quella Terrazza, che ha visto cose e ne ha fatte altre? Forse perché l’amante di questo, che è il padre di quello, fa l’avvocatessa ed è molto potente? Forse perché quel calciatore non lo si può imbarazzare, e neanche quella starlette e neppure quel gran nome della finanza meneghina? Il problema, e lo ripeto per l’ennesima volta, non è quello che è successo in quella stanza. O meglio, non solo quello. Quello è un problema che è già in via di risoluzione: ci sarà un processo. E’ quello che succedeva fuori, il problema. E’ chi la farà franca perché nessuno vuole davvero raccontare le verità scomode, quello è il problema. E come al solito, la decisione su questo è in mano alla Procura, dalla quale si attende trasparenza con il bel mondo almeno tanto quanto ne usa con la politica.

 

di Fabio Massa

Commenti FB
Ads

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.