Torniamo ancora oggi sul caso della morte del ginecologo di Milano. Perché ogni tanto – a dire il vero raramente – la cronaca nera riesce a essere lo specchio esatto dell’Italia. Succede a volte con i film (vi ricordate Tolo Tolo?), succede praticamente sempre con la politica, e questa volta con la cronaca nera. Allora, riassumiamo. In un primo tempo la pista è quella dell’omicidio a scopo di rapina. Qualcuno ha assassinato in pieno centro a Milano (segnatevi: pieno centro, come se fosse stata piena periferia avesse avuto meno valore) un ginecologo. Immediatamente si scatena l’allarme sicurezza. Oddio è una città insicura, in un Paese insicuro in un mondo che invece pare fort knox. Non è così, e l’abbiamo detto ieri: Milano è una delle città con meno omicidi d’Italia, e l’Italia il secondo con meno omicidi d’Europa e tanti saluti al Padrino parte prima seconda e terza. Quindi l’opposizione attacca, il sindaco deve subito mandare una nota per tranquillizzare i cittadini che mormorano un poco, prima di tornare ai propri affari (leggasi: fatturare qualcosina entro fine anno). Poi però la pista cambia: il ginecologo avrebbe avuto “qualche segretuccio”. Tipico percorso del sospetto. Capita sempre quando si tratta di donne: chissà in che guaio si era messa, poverina. Come dire: chissà quali tipacci frequentava signora mia. Il ginecologo, pure lui, chissà quali loschi affari. Ovviamente pure queste sono voci, ma già l’allarme sicurezza pare bello che superato, e allora quelli che urlavano si tacciono e comincia la parte dell’altro coro, quello che “Milano va tutto bene”, “a Milano c’è una amministrazione fortissima”. Come un pendolo, da un estremo all’altro. E poi, infine, il terzo atto. Oggi si viene a sapere che forse l’uomo si sarebbe suicidato perché portava i guanti di lattice e nessuno è stato visto scappar via dal luogo del delitto. Non è colpa di nessuno, insomma, se lui è morto. E’ solo colpa sua. Vedrete che ne verrà una quarta, quella del complotto: è stato suicidato. Avviene sempre, e generalmente è un caro del caro estinto a tirarla fuori. Il sospetto, quello che apre il giallo, fa vendere due copie in più e non chiude mai davvero i casi. Figuratevi che stiamo ancora a parlare di Erba, dove un tizio testimone oculare che a momenti ci crepava ha individuato gli assassini. Figurarsi un delitto in pieno centro (non in periferia eh) a Milano. Le quattro fasi di un omicidio, potremmo chiamarle. E anche dell’operetta all’italiana. Solo che non c’è niente da ridere.

Fatemi aggiungere un’ultima cosa: tanti auguri, e questa volta di cuore, senza ironia. Buon Natale e soprattutto Buon Anno. Speriamo che l’anno prossimo sia meglio di questo, anche perché sennò davvero siamo rovinati

di Fabio Massa

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.