È morto Keith Flint dei PRODIGY

835

È morto a soli 49 anni KEITH FLINT, il cantante dei PRODIGY.

Il frontman della band britannica – protagonista del big beat techno hardcore anni ’90, è stato trovato privo di vita questa mattina, lunedì 4 marzo 2019, nella sua abitazione a Dunmow, nell’Essex. La band non ha mai fatto mistero della propria forte inclinazione ad abusi di vario genere ma al momento le cause della morte non sono ancora state rese note, anche se le prime indiscrezioni parlano di probabile suicidio. Il medico legale è già stato incaricato di eseguire l’autopsia, non sono state comunque rilevate circostanze sospette.

Secondo quanto riferisce il “Sun”, la polizia si sarebbe recata presso l’abitazione di Flint dopo aver ricevuto una segnalazione. Quando agenti e medici sono arrivati sul posto, non hanno potuto che constatarne il decesso, avvisando parenti e collaboratori.

I Prodidy confermano la triste notizia attraverso i canali ufficiali: “Siamo scioccati e con profonda tristezza confermiamo la notizia della morte del nostro fratello e migliore amico Keith Flint. Un vero pioniere e innovatore, una leggenda. Chiediamo di rispettare la privacy di tutti gli interessati in questo momento”.

I Prodigy hanno prediletto uno stile accessibile e sgraziato che, ispirandosi al punk, ha fatto un largo uso di breakbeat e campionamenti vari, ripresi da serie animate e brani raggamuffin. La loro fusione di elementi di musica elettronica col rock ha fatto scuola. Dal 1992 ad oggi hanno inciso 7 album, venduto milioni di dischi e piazzato più di 10 singoli nella Top Ten sia inglese che americana.

L’ultimo album dei Prodidy “No Tourists” era uscito lo scorso Novembre, riconfermando il loro successo inarrestabile in testa alle classiche in UK e USA. Non si sa al momento se il tour americano programmato per il prossimo Maggio verrà confermato.

Durante una recente intervista Flint aveva dichiarato al The Guardian: Eravamo pericolosi ed eccitanti, ma ora non c’è più nessuno che voglia andare fuori dagli schemi. Nella musica è tutto omologato, tutto forzatamente commerciale, tanto per essere solo sicuri, sicuri, sicuri… deprimente…”.

R.I.P.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.