C’era una volta Notre Dame. Non c’è più. E anche se verrà ricostruita. Anche se avrà l’anima in acciaio piuttosto che in legno. Anche se sarà forse più bella, più scintillante, più nuova. Non ci sarà più. Lo so, è una banalità. Ma davvero noi soffriamo per Notre Dame. Noi soffriamo. Nessuno gioisce. Nessuno fa vignette del cazzo come quelle di Charlie Ebdo sul terremoto in Italia e sul ponte. Perché noi soffriamo, perché noi siamo esseri umani.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.