In occasione dell’ottantesimo anniversario della promulgazione delle leggi razziali, il 28 settembre alle 20:45 in Aula Consiliare la presentazione dell’album dell’artista dedicato alla storia degli ebrei deportati dall’isola di San Servolo. “Temuto come grido, atteso come canto” è il titolo dell’album di Michele Gazich, poeta, musicista, produttore artistico, compositore, scrittore di canzoni, che verrà presentato venerdì a Palazzo Marino. Il disco è un lavoro con al centro l’umanità calpestata. Presentato a Venezia il 2 settembre, Giornata Europea per la Cultura Ebraica, l’album è stato interamente scritto sull’isola di San Servolo (ex-manicomio di Venezia) e racconta, per la prima volta, la storia degli ebrei deportati dall’isola.
“Ho scritto queste canzoni nell’ottobre 2017 – ha raccontato l’autore -. Quel mese ho vissuto, ospite del progetto Waterlines – residenze artistiche e letterarie, sull’isola di San Servolo, proprio di fronte a Venezia. L’isola fu manicomio dal 1725 al 1978. Ogni giorno ho trascorso la mattinata nell’archivio dell’ex-manicomio e il pomeriggio e la notte a scrivere. In un altro ottobre non così lontano nel tempo (per l’esattezza l’11 ottobre del 1944), dall’isola di San Servolo vennero ‘ritirati’ – questo l’orribile termine burocratico che leggo sulle loro cartelle cliniche – gli ebrei presenti nel manicomio e deportati verso i campi di sterminio tedeschi. Ho guardato i loro visi, ho riletto le loro storie nelle cartelle cliniche, nel tentativo di restituire loro qualcosa, che non sarà comunque mai abbastanza, e di ridare a loro la parola. La loro storia non è conosciuta: la mia missione è farla conoscere. Abbiamo bisogno gli uni degli altri, abbiamo bisogno di ritrovare queste donne e questi uomini da qui ‘ritirati’ “.
Gazich, autore di nove album, che dagli anni Novanta ad oggi ha collaborato e si è esibito in tour nel mondo con cantautori italiani e singer-songwriters statunitensi (tra cui Michelle Shocked a Mary Gauthier, da Eric Andersen a Mark Olson), eseguirà i suoi brani (voce, violino, viola) accompagnato da Marco Lamberti (chitarra, bouzouki, seconda voce).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.