Home News Regionali, Moratti: Lombardia merita di più

Regionali, Moratti: Lombardia merita di più

"La mia candidatura è forte, non è di bandiera e si rivolge a quel terzo degli elettori che non trova riferimenti nel centrodestra e centrosinistra". Lo ha detto la candidata alla presidenza della Regione Lombardia per la Lista Civica Lombardia Migliore e appoggiata dal Terzo Polo, intervenuta ad Agorà su Rai 3.

“La Lombardia merita di più: ha bisogno di una classe dirigente che affronti concretamente le sfide. La mia candidatura è forte, non è di bandiera e si rivolge a quel terzo degli elettori che non trova riferimenti nel centrodestra e centrosinistra”. Lo ha detto Letizia Moratti, candidata alla presidenza della Regione Lombardia con una propria Lista Civica e appoggiata dal Terzo Polo, intervenuta in diretta alla trasmissione Agorà su Rai 3. In seguito ha spiegato di continuare “a sperare che dal Pd ci possa essere un’apertura, nelle modalità che si possano configurare nelle prossime settimane. Con i dem ho cercato di confrontarmi su tematiche che per loro sono identitarie, come lavoro, ambiente e sanità pubblica: al momento purtroppo non ho avuto riscontri”.

Commenti FB
Articolo precedenteDisabilità, approvata legge regionale per vita indipendente
Articolo successivoMilano è viva, fino al 6 gennaio 150 spettacoli live
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati
Exit mobile version