Home News Giornata contro la violenza sulle donne, inaugurato in Bovisa il murale di...

Giornata contro la violenza sulle donne, inaugurato in Bovisa il murale di Bosoletti

Il murale sorge sul muro di piazza Alfieri a Milano, accanto alla lapide in ricordo di Mary D’Amelio, la giovane stuprata e uccisa nel 1987 nei pressi della stazione ferroviaria di Bovisa.

E’ stata inaugurata oggi l’opera dell’artista argentino Bosoletti, intitolata “Il soffio” e dedicata alla “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne”. Il murale sorge sul muro di piazza Alfieri a Milano, accanto alla lapide in ricordo di Mary D’Amelio, la giovane stuprata e uccisa nel 1987 nei pressi della stazione ferroviaria di Bovisa.
L’opera è stata commissionata dal club Rotary Passport Innovation e finanziata dal mecenate Fabrizio Capaccioli, AD di Asacert e vicepresidente di Green Building Council Italia.
“Abbiamo deciso di dedicare un murale a tutte le vittime di violenza in un luogo simbolico di Milano, dove tanti anni fa fu strappata la vita ad una giovane donna. Occorre continuare a sensibilizzare l’opinione pubblica, se serve, come in questo caso, anche attraverso l’eccellente arte muraria di Bosoletti, perché la violenza contro le donne è purtroppo ancora un’emergenza in tutto il mondo ed anche in Italia”, afferma Fabrizio Capaccioli, AD di Asacert e mecenate.
La realizzazione dell’opera in piazza Alfieri è il frutto della collaborazione tra vari livelli istituzionali, Municipio 9 del Comune di Milano, Ferrovie Nord e Regione Lombardia, sensibili alla ricorrenza odierna. L’assessorato ai Trasporti di Regione Lombardia ha voluto testimoniare la propria adesione anche perché il murale sorge a pochi passi dalla stazione ferroviaria di Bovisa FN, luogo di passaggio quotidiano per migliaia di viaggiatori e tanti giovani studentesse.
“Questo murale ha un significato molto importante: è un segno visibile e concreto sul tema della violenza contro le donne per tutti coloro che frequentano Bovisa”, lo afferma Claudia Maria Terzi, assessore ai Trasporti e alla Mobilità di Regione Lombardia, che aggiunge: “Qui transitano infatti ogni giorno migliaia di persone e l’opera dell’artista argentino Bosoletti permetterà di mantenere vivo il ricordo e la memoria di Mary, oltre a sensibilizzare le persone sul tema della violenza di genere: un murale che, di fatto, è un monito indelebile per tutti”

Commenti FB
Articolo precedenteIncidente stradale in Brianza, muore un motocilista
Articolo successivoGiornata contro la violenza alle donne, a Palazzo Marino uno stendardo in memoria dell’iraniana Mahsa Amini
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati
Exit mobile version