Dopo le parole di Meloni i familiari delle vittime del Covid chiedono di far parte dell’eventuale Commissione d’inchiesta

"Occorrerà fare chiarezza" ha detto la premier alla Camera. Se verrà istituita una Commissione parlamentare d'inchiesta, i familiari delle vittime del Covid di Bergamo e Brescia chiedono di farne parte. L'avvocato Locati, che li rappresenta, parla a Radio Lombardia.

48
Giorgia Meloni, nel suo discorso di fiducia alla Camera, ha fatto riferimento alla gestione della pandemia da Covid19 ricordando che in Italia sono morte 177mila persone. “In Italia – ha commentato la neo presidente del Consiglio – siamo per ora usciti dall’emergenza solo per merito del personale sanitario a cui va la nostra gratitudine. Grazie anche ai lavoratori dei servizi essenziali che non si sono mai fermati e del terzo settore”. Il riferimento, che non è passato inosservato ai familiari delle vittime di Bergamo e Brescia, riuniti nell’associazione “Sereni e sempre uniti”, che ormai ha un respiro nazionale. è stato anche alla Commissione d’inchiesta parlamentare, tanto discussa ma mai entrata in funzione. “Dobbiamo imparare dal passato – ha continuato Meloni – abbiamo applicato le misure più restrittive di tutto l’Occidente ma qualcosa non ha funzionato visto visto l’alto tasso di mortalità e di contagio dunque non replicheremo quel modello. Occorrerà fare chiarezza, lo si deve a chi ha perso la vita e chi non si è risparmiato in corsia mentre qualcun altro faceva affari con mascherine e respiratori”. “Abbiamo ascoltato con interesse il discorso della neo premier Meloni – commentano i familiari delle vittime – in particolare sulla necessità di imparare dagli sbagli e dagli errori per imparare ed essere pronti alle prossime pandemie, che ci saranno. Confidiamo ora che queste parole trovino concretezza in una vera commissione di inchiesta, da noi richiesta da molto tempo, che indaghi a 360°”. Lo strumento della Commissione d’inchiesta è stato chiesto dai familiari da 2 anni con manifestazioni pubbliche e richieste ufficiali. “Auspichiamo – concludono – che in questa commissione possa entrare a far parte anche la rappresentante legale del team, Consuelo Locati, che rappresenta noi e tutti i familiari delle vittime in causa al tribunale di Roma, e che ha dedicato, e continua a farlo, gli ultimi due anni e mezzo a fornire documenti e prove sulla sussistenza di gravi responsabilità istituzionali nella gestione pandemica, che purtroppo hanno origine almeno dall’anno 2013”.
L’avvocato Consuelo Locati al microfono di Radio Lombardia
Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.