Compravendita di cuccioli di cane, arrestata un’intera famiglia

Arrestati padre, madre, figlia e genero, titolari di un'azienda agricola nella bergamasca. Il blitz della polizia stradale è scattato a seguito di una sessantina di denunce, dopo che i cuccioli morivano o risultavano affetti da gravi malattie nelle prime settimane di vita.

21

Padre, madre, figlia e genero sono stati arrestati dalla polizia stradale di Bergamo per truffa e frode nel commercio di cuccioli di cane. La loro azienda agricola è stata posta sotto sequestro. I 57 esemplari sono stati affidati alle cure dei veterinari. ll blitz delle forze dell’ordine è scattato a seguito di una sessantina di denunce sporte nei confronti dei titolari dell’azienda agricola (il padre è in carcere, mentre gli altri familiari sono ai domiciliari) dopo che i cuccioli morivano o risultavano affetti da gravi malattie nelle prime settimane di vita. La polizia stradale riferisce del ‘cinismo’ della famiglia, che emerge anche da una frase intercettata: “Il cane deve essere messo in braccio al bambino così si affeziona e lo compra di sicuro”. Gli animali venivano importati come cuccioli dall’Ungheria, ma venduti come nati all’azienda agricola-  Alcuni animali venivano venduti come cani di razza ma non lo erano, e  non avevano microchip e vaccinazioni. I costi variavano tra i 1.500 e i 4.500 euro a seconda della razza e il metodo di vendita erano gli annunci on line su siti specializzati.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.