La Guardia di Finanza di Monza, su delega della Procura, ha dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo per circa 2,7 milioni di euro, emesso dal Gip di Monza, finalizzato alla confisca sia diretta sia in forma equivalente di denaro, altre disponibilità finanziarie e beni mobili ed immobili nei confronti di un imprenditore calabrese, residente nel bresciano, indagato per una presunta evasione fiscale di rilevante entità.
Le indagini sono partite da un controllo delle Fiamme gialle nella sede di una società di logistica e pulizie a Burago di Molgora (Monza). A quanto emerso, le false fatture venivano emesse dall’imprenditore anche a vantaggio di altre quattro società cooperative operanti nel medesimo settore in provincia di Milano, i cui legali rappresentanti sono stati denunciati con l’accusa di illecito risparmio d’imposta conseguito per mezzo della frode fiscale. Tra i beni sequestrati all’imprenditore al vertice del raggiro, tre appartamenti e due autorimesse riconducibili, tra le province di Milano e Brescia, grazie a prestanome compiacenti.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.