“Pacco bomba” in via Larga, svolta nelle indagini della Polizia

La scatola era composta dalle batterie di una bicicletta elettrica che, nella giornata di ieri un uomo, avrebbe consegnato al titolare di un esercizio commerciale al fine di consentire la rigenerazione delle stesse.

15

La Polizia di Stato ieri (09 settembre) è intervenuta nel centro di Milano, a seguito di una segnalazione di due pacchi sospetti in via Larga.
Un primo pacco già in fiamme, composto da batterie industriali e un temporizzatore con circuito elettrico, è stato prontamente spento dall’intervento dei Vigili del
Fuoco, mentre un secondo, rinvenuto all’esterno della saracinesca dell’esercizio commerciale di una compagnia di crociere civico 26, è stato fatto brillare dagli Artificieri. Questi ultimi hanno accertato la presenza nel secondo pacco di ulteriori 110 batterie, un temporizzatore e un circuito elettrico, senza riscontrare, da un primo sommario esame, alcuna traccia di esplosivo.
L’involucro riportava la scritta in arabo “si scarica in tre minuti” e l’utenza telefonica di un cittadino nigeriano. L’uomo, sentito dagli agenti della sezione Antiterrorismo della D.I.G.O.S. della Questura di Milano, avrebbe riconosciuto la scatola composta dalle batterie della sua bicicletta elettrica che, nella giornata di ieri, avrebbe consegnato al titolare di un esercizio commerciale al fine di consentire la rigenerazione delle stesse.
La visione delle immagini di videosorveglianza del negozio e di via Larga parrebbe confermare integralmente la ricostruzione dell’episodio, privo di alcuna matrice
politica.
Al riguardo, l’incidente sarebbe stato prodotto casualmente da un collaboratore egiziano del negoziante che, dopo aver percorso con una bici via Larga, giunto all’incrocio di Via Albricci, avrebbe perso un pacco dalla bici e, nel tentativo di recuperarlo, sarebbe stato sorpreso da una prima fiammata. Preso dallo spavento,avrebbe abbandonato il secondo pacco presso l’esercizio commerciale della compagnia di crociere.

Commenti FB
Articolo precedenteElisabetta II, al consolato di Milano il libro di condoglianze
Articolo successivoGli scoppia in mano un residuato bellico, ferito estremista di destra
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.