Elezioni, Ilaria Cucchi : la mia parola chiave è diritti

"Sono diventata la sorella di tutti perché in molti si sono immedesimati nella mia storia. Per questo voglio portare la mia forza in questa nuova sfida."

20

“Sapete tutti chi sono: sono diventata la sorella di tutti perché in molti si sono immedesimati nella mia storia. Per questo voglio portare la mia forza in questa nuova sfida. Conoscete la mia storia e proprio per questo motivo ho accettato questa nuova avventura. Porto avanti questa battaglia dal 2010”. Lo ha detto Ilaria Cucchi, candidata per Alleanza VerdiSinistra nel collegio del senato Lombardia 2 a Milano per presentare le lista dei candidati. “ In questi anni ho dimostrato che non mi piace perdere, voglio portare il mio bagaglio perché sono una cittadina comune che ha portato avanti la sua vicenda”, ha aggiunto. “La parola chiave – ha anche detto Ilaria Cucchi – è diritti: diritto alla giustizia, all’istruzione, al lavoro e alla casa. Una delle nostre battaglie è quella di tornare all’edilizia pubblica che a Milano è un tema molto sentito. Io mi sono confrontata con il vostro sindaco Giuseppe Sala per comprendere le esigenze del vostro territorio. Spesso il primo cittadino Giuseppe Sala ha dimostrato solidarietà nei miei confronti”.

Commenti FB
Articolo precedenteCovid, Lombardia: stabili i ricoverati nelle terapie intensive (13) mentre nei reparti aumentano di 6 unità
Articolo successivo‘Ndrangheta, azzerata la cosca del figlio del boss della Comasina
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.