L’assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato, ha incontrato oggi il presidente della Regione Lombardia formalizzando le sue dimissioni dall’incarico “a seguito – ha spiegato – della candidatura alle elezioni politiche del 25 settembre”.  L’assessore ha ringraziato il governatore e l’intera Giunta “per l’importante azione di governo svolta in questi difficili anni”. Contestualmente il presidente della Regione ha rivolto un cordiale ringraziamento all’assessore uscente “per il proficuo impegno dimostrato e per gli importanti risultati ottenuti” e

Sulla nomina di La Russa non sono tardate le reazioni della minoramza. “Il centrodestra lombardo ha finito le idee ed evidentemente anche gli uomini. È possibile che Fratelli d’Italia, con tutto il consenso che sembrerebbe avere, non abbia nessun altro per fare l’assessore rispetto a una vecchia conoscenza come Romano La Russa, uno che faceva l’assessore in Lombardia con Formigoni quando si telefonava ancora con i gettoni? Il volto della Meloni è relativamente nuovo, ma alle sue spalle tiene banco la vecchia guardia missina. Buon lavoro comunque al neoassessore che non avrà difficoltà a fare meglio del suo predecessore.” Così il capogruppo del Pd in Regione Lombardia Fabio Pizzul.
“Tra tanti assessori regionali pronti a lasciare il proprio ruolo per andare a Roma non c’è Letizia Moratti, autocandidata a succedere a Fontana per il centrodestra. A proposito di gettoni, mi chiedo come si sentano i sostenitori di Italia Viva all’idea di fare campagna per Moratti come lascerebbe intendere Renzi con le dichiarazioni di oggi, semmai riusciranno a convincerla a correre per loro e non per Meloni, Salvini e Berlusconi” conclude Pizzul.

“L’ingresso in Giunta di Romano La Russa è il primo assaggio della restaurazione che il centrodestra vorrebbe applicare prima a tutto il Paese e poi alla Lombardia. Tentano di presentarsi come il nuovo, poi riesumano i vari Tremonti, Schifani e ora La Russa, il cui curriculum vanta dichiarazioni contro gli omosessuali, considerati malati, e dichiarate simpatie verso il regime fascista. In pratica vogliono somministrare al Paese la stessa ricetta che, proprio durante l’ultimo governo di centrodestra, lo aveva portato sull’orlo del baratro. I volti e i programmi del centrodestra sono la stantia risposta a domande che avremmo preferito non doverci porre più». Così il capogruppo del Movimento Cinque Stelle in Regione Lombardia, Nicola Di Marco.

Commenti FB
Articolo precedenteSanità, al via la presa in carico totale del paziente oncologico. Si parte dal Besta
Articolo successivoNeonata abbandonta in una scatola davanti al San Gerardo di Monza
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.