Campione di arti marziali salva due ragazze molestate in piazza Leonardo Da Vinci

Bruno Danovaro blocca due ubriachi che molestavano in modo pesante due ragazze vicino al Politecnico. "Non sono un giustiziere, non lo sono e non voglio sostituirmi alla forza pubblica - dice - ma in questa zona ormai è un disastro".

32
foto dal profilo Facebook di Bruno Danovaro

Ha visto due ubriachi che molestavano in modo pesante due ragazze ieri poco prima delle 10 in piazza Leonardo Da Vinci a Milano ed è intervenuto per difenderle. A raccontarlo è lo stesso Bruno Danovaro, campione di arti marziali che abita in zona. “Ero andato a prendere il giornale quando ho visto quei due ragazzi che allungavano le mani. Li ho presi e li ho tolti di dosso alla ragazze tanto da consentire loro di andarsene” spiega lui che nell’aprile 2020, da volontario del trasporto medicinali, si è difeso da un tentativo di rapina con il coltello mandando in ospedale tre malviventi, che evidentemente non sapevano del suo curriculum di campione judo, poi pugilato e karate, e jujitsu con 113 incontri di fila vinti. “In quel caso c’era di mezzo un coltello. Questa volta li ho solo bloccati. Non voglio passare per giustiziere – ci tiene a precisare – Non lo sono e non voglio sostituirmi alla forza pubblica. Ma è un disastro. C’è una baby gang in zona, ci sono tre o quattro spacciatori che ormai vivono in piazza, giorno e notte. La situazione sta diventando pesante” soprattutto adesso che il Politecnico di Milano, che ha la sede principale nella piazza, “è chiuso, così come la scuola vicina”. “Le forze dell’ordine ci sono e fanno il loro dovere” ma non possono passare sempre nel momento esatto in cui succedono le cose, aggiunge Danovaro, che dopo aver bloccato i due ubriachi, due ragazzi di colore sui 25 anni, li ha fotografati e poi, con una spalla dolorante, è andato a fare una segnalazione al commissariato Città Studi. “Non deve diventare un Far West, non siamo in America – conclude – ma questo non è un bel biglietto da visita per Milano”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.