Home News Crescenzago, Sala visita il cantiere Welcome: “il quartiere cambia volto”

Crescenzago, Sala visita il cantiere Welcome: “il quartiere cambia volto” [Gallery]

Progettato dallo studio dell'architetto giapponese Kengo Kuma, con la collaborazione del botanico Stefano Mancuso, sarà il fabbricato in legno più grande d’Italia e ospiterà uffici, aree di coworking, un supermercato, un centro medico, servizi.

“Il quartiere di Crescenzago sta cambiando volto. Questa mattina ho visitato il cantiere di “Welcome”. L’edificio storico che ospitava la Rizzoli diventerà uno spazio di lavoro green. Progettato dallo studio dell’architetto giapponese Kengo Kuma, con la collaborazione del botanico Stefano Mancuso, sarà il fabbricato in legno più grande d’Italia e ospiterà uffici, aree di coworking, un supermercato, un centro medico, servizi. Ci sarà anche una grande piazza verde aperta al pubblico.
Di fronte a “Welcome” si affaccerà “Green Between, tessiture urbane”, per la cui realizzazione è capofila Redo SGR. Si tratta di un progetto di housing sociale che porterà a creare 350 unità abitative a prezzi accessibili”. Così in un post il sindaco Giuseppe Sala.

Commenti FB
Articolo precedenteVino, Lombardia: al via vendemmia con -10% grappoli
Articolo successivoELST e Trio Medusa, grande successo del Concertozzo a Bergamo. Devoluti 100 mila euro a Cesvi
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version