Home News Elezione, Sala: mio impegno è allargare il campo, spero nessuno ponga veti

Elezione, Sala: mio impegno è allargare il campo, spero nessuno ponga veti

"A mio avviso l’unico modo che ha il centrosinistra per uscirne bene è cercare di allargare il campo. Voglio dare una mano per aiutare ad allargare il campo della mia parte politica."

Your browser does not support the video tag. https://www.radiolombardia.it/wp-content/uploads/2022/07/260722-Sala-su-impegno-campo-largo-e-richiesta-di-non-mettere-veti.mp4

“Non credo che le elezioni siano segnate come tanti dicono, è favorito il centrodestra. A mio avviso l’unico modo che ha il centrosinistra per uscirne bene è cercare di allargare il campo. Voglio dare una mano per aiutare ad allargare il campo della mia parte politica. Spero che nessuno ponga veti perché non è il momento dei veti”. Lo ha detto il sindaco Giuseppe Sala, a margine della commemorazione della strage di via Palestro, interpellato in merito all’incontro di ieri a Roma, con Enrico Letta e Luigi Di Maio, a cui ha partecipato anche Sala. “Sto cercando di aiutare chi sta facendo uno sforzo per fare parte della compagine di centrosinistra, che non è un passaggio automatico”, ha sottolineato poi il sindaco.

Se qualcuno giudica negativo il fatto di allargare un campo che parte sfavorito lo dica, ma se non si prova ad allargare il campo si perde. Di Maio ha manifestato a Letta la disponibilità a fare parte del centrosinistra, e sta cercando di capire chi può essere con lui per allargare il livello di offerta. L’unica cosa che ho chiesto a Letta è di lavorare in questo momento affinché si azzerino i veti in questo momento”, ha detto ancora Sala a chi gli chiedeva come si fa a mettere insieme il leader di Insieme per il Futuro, Luigi Di Maio, e il segretario di Azione, Carlo Calenda. “Di Maio ha più che riconosciuto che bisogna andare oltre il reddito di cittadinanza e trovare una nuova formula, non rincorre nostalgie su questo punto – ha poi precisato Sala -. Il reddito per me è stata una buona intuizione ma con una cattiva gestione”. (MiaNews)

Commenti FB
Articolo precedenteSanità, Letizia Moratti in visita alla Rsa della Comunità Ebraica
Articolo successivoFondazione Lombardia per l’Ambiente e Arpa Lombardia al Meeting di Rimini 2022
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version