“Prima di tutto la sicurezza, la vita e poi tutto il resto. Da uomo di montagna, guida alpina e tecnico elisoccorso Areu, il messaggio che vorrei far passare è proprio questo. La montagna va vissuta in sicurezza e con tanto buon senso, inutile sfidare la montagna e morire. Nella vita bisogna sapersi fermare. Un guerriero che torna vivo da una battaglia è buono per tornare a combattere”. Lo scrive Marco Confortola, grande alpinista di fama internazionale, guida di montagna e formatore, in una lettera inviata al presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, che il governatore ha pubblicato su Facebook.

Rivolgendosi al presidente della Regione, Confortola accompagna il testo della lettera con una foto spiegando che quella ritratta nell’immagine “è la bandiera che ho preparato con le mie mani dove ho unito le tre bandiere di Regione Lombardia, dell’Italia e del Pakistan. L’avrei portata in vetta al mio tredicesimo ottomila, ma l’innalzamento delle temperature e la pericolosità della montagna mi ha fatto purtroppo rinunciare”. “Mio nonno, morto a più di novant’anni – conclude Marco Confortola – mi ha sempre insegnato che un buon alpinista deve morire da vecchio nel proprio letto. Se non avessi messo per prima la sicurezza non sarei riuscito a scalare ben 12 ottomila senza ossigeno. Viva la montagna, viva la Lombardia”

Commenti FB
Articolo precedenteGdf, confiscati 2,6 milioni di euro a imprenditori brianzoli
Articolo successivoSanità, inaugurato ospedale di Comunità a Borgo Mantovano (Mn)
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.