Home News Censis: l’Università di Pavia al 1° posto tra i grandi Atenei italiani

Censis: l’Università di Pavia al 1° posto tra i grandi Atenei italiani

La facoltà di Medicina e Chirurgia si conferma, come negli anni scorsi, la migliore d’Italia.

Pubblicata l’annuale graduatoria del Censis relativa al ranking delle università italiane.
I dati  2022-23, consultabili al sito www.censis.it, vedono primeggiare tra i grandi atenei l’Università di Pavia.
L’autorevole classifica dell’ente di ricerca è stilata da oltre vent’anni per orientare le scelte di neo-diplomati ed è accompagnata da un’analisi sul sistema accademico.
Un prestigioso risultato per Pavia, che già negli anni scorsi aveva conquistato il podio, ma che quest’anno raggiunge la vetta nazionale.
La valutazione degli Atenei è realizzata attraverso l’analisi di sei famiglie di indicatori: i servizi, le borse di studio e i contributi, le strutture, la qualità della comunicazione, l’internazionalizzazione e l’occupabilità calcolata sul tasso di occupazione dei laureati a un anno dal conseguimento del titolo.
Pavia ha dimostrato di eccellere in tutti i settori realizzando un punteggio complessivo di 91 (i punteggi vanno da 60 a 110) il più alto di qualsiasi altra grande università italiana.
La classifica del Censis è accompagnata anche da una valutazione delle singole aree di studio degli atenei statali che si basa sull’analisi di 2 famiglie di indicatori: progressione della carriera degli studenti e internazionalizzazione.
Anche qui emerge l’eccellenza della didattica di PaviaLa facoltà di Medicina e Chirurgia si conferma, come negli anni scorsi, la migliore d’Italia. Pavia è ai primi posti nell’ambito delle facoltà scientifiche, dei corsi di laurea ad indirizzo psicologico e sul podio nella classifica nazionale delle facoltà di architettura e ingegneria edile-architettura.

Estrema soddisfazione e orgoglio per tutto l’Ateneo – dichiara il Rettore dell’Università di PaviaFrancesco Svelto -. Questo risultato dimostra che stiamo lavorando bene, guardando al futuro con importanti progettualità. E di più evidenzia la grande attenzione ai nostri studenti, per quanto riguarda sia la capacità di inclusione, sia l’elevata qualità dei nostri servizi. Davvero una Università e una città in cui studiare, crescere e, perché no, fare belle e importanti amicizie”.

Commenti FB
Articolo precedenteAree interne Lombardia, Fontana in tour nel comasco e nel lecchese
Articolo successivoCovid, Lombardia: in aumento i ricoveri mentre sale al 23,6% il rapporto positivi/tamponi
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version