Furti seriali di furgoni, due arresti

Sono finiti nel carcere di Monza i due presunti responsabili di una serie di furti di furgoni tra Milano e provincia e la Brianza. Denunciati per ricettazione due autodemolitori in zona Comasina.

15

I Carabinieri di Sesto San Giovanni, lo scorso 14 maggio, hanno arrestato due italiani, di 53 e 51 anni, con precedenti per furto aggravato, residenti a Bollate e Muggiò, ritenuti responsabili di 6 furti di furgoni e veicoli commerciali nelle province di Milano e Monza Brianza tra ottobre e gennaio. Le indagini erano iniziate ad ottobre a seguito dell’individuazione degli autori del furto di un furgone a Sesto San Giovanni. Dall’analisi delle telecamere della zona, i militari hanno potuto ricostruire i movimenti dei due; si muovevano su due auto per controllare la zona e individuare il furgone da rubare quindi uno dei due riusciva a sostituire, in pochi minuti, la centralina motore originale del mezzo da asportare con una decodificata, che ne permetteva la messa in moto. Il veicolo rubato veniva poi parcheggiato nell’area industriale di Cinisello Balsamo per cercare di non destare sospetti. Dopo pochi giorni, il furgone veniva portato presso due autodemolitori in zona Comasina. Grazie al tracciamento GPS delle due auto e alle intercettazioni telefoniche, i Carabinieri sono riusciti lo scorso 5 gennaio ad arrestare in flagranza il 51enne mentre tentava di rubare un furgone in viale Scarampo, in zona Portello a Milano. L’uomo è stato sottoposto agli arresti domiciliari fino all’esecuzione dell’ordinanza avvenuta dopo l’arresto del complice. Dall’attività di indagine, sono stati recuperati due furgoni rubati a novembre a Milano e Bovisio Masciago. Non risulta che i furti siano stati compiuti su commissione. Gli arrestati sono stati portati in carcere a Monza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria mandante, mentre gli autodemolitori sono stati denunciati in stato di libertà per ricettazione.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.