Home News Appalti truccati per mense e pulizie, l’inchiesta si allarga

Appalti truccati per mense e pulizie, l’inchiesta si allarga

Dopo gli 11 arresti di ieri per presunte tangenti per le gare di appalto dei servizi di ristorazione in diversi Comuni lombardi, i magistrati di Milano stanno indagando su altre gare che sarebbero state vinte in modo sospetto. Il Gruppo Pellegrini: "Noi parte lesa".

Si indaga su altri appalti che sarebbero stati pilotati in cambio di tangenti, quasi una decina in più rispetto a quelli già emersi, nell’inchiesta della Procura di Milano e della Guardia di FInanza che ieri ha portato all’arresto di 11 persone per presunte gare truccate per l’affidamento di servizi mensa in scuole e Rsa e di pulizie negli uffici pubblici, ma pure di trasporti, in cinque comuni lombardi: Buccinasco, Cornaredo, Mediglia, nel Milanese, Ranica (Bergamo) e Flero (Brescia). Gli investigatori delle Fiamme Gialle, coordinati dall’aggiunto Maurizio Romanelli e dai pm Giovanni Polizzi e Giovanna Cavalleri, stanno facendo approfondimenti anche su una serie di altri appalti sospetti in altri Comuni vicino a Milano e nel resto della Lombardia. Intanto, le tre persone finite in carcere saranno interrogate dal gip Tiziana Gueli tra domani e dopodomani. Intanto, tra gli indagati, come anticipato dal Corriere della Sera e da Il Fatto Quotidiano, figura anche Ernesto Pellegrini, ex presidente dell’Inter e titolare dell’omonima azienda, attiva nel campo della ristorazione. E’ accusato di turbativa d’asta (è stato perquisito) in relazione ad una gara vinta dalla sua impresa a Mediglia.

“Siamo fiduciosi che la magistratura chiarirà che i fatti e le illazioni, rispetto ai quali siamo estranei e parte lesa, riguardano persone che non solo non sono nostri dipendenti come erroneamente riportato ma non hanno qualsivoglia altro rapporto con la Pellegrini”: è quanto si legge in una nota del Gruppo Pellegrini. “Apprendiamo con stupore quanto riportato dagli organi di stampa relativamente alle indagini in corso riferite all’assegnazione di alcune gare pubbliche – si legge nella nota – La Pellegrini, operativa dal 1965 e che oggi conta oltre 10.000 dipendenti, fonda il suo successo da sempre su valori quali l’onestà, la trasparenza, e la legalità, valori che unitamente alla qualità che la Pellegrini garantisce, ci hanno consentito di vincere la gara del Comune di Mediglia”.

Commenti FB

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version