Furti nei depositi di merce delle griffe di moda, 9 arresti

Operazione dei carabinieri di Monza. La banda ha messo a segno 11 furti a depositi di merce appartenente a marchi della moda, usando anche tecniche paramilitari.

26

Nove romeni sono stati arrestati dai carabinieri con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti di  capi di abbigliamento ed accessori di marchi prestigiosi. Gli arresti sono scattati all’alba da parte dei carabinieri di Monzanelle province di Monza Brianza, Milano, Lecco, Bergamo e Piacenza. Le indagini, coordinate dalla Procura di Monza, sono partite lo scorso mese di novembre,  seguito di un ingente furto per un valore stimato di oltre 350 mila eueo e ulteriori  danni strutturali messo a segno presso una ditta di San Daniele del Friuli (UD), società che cura il “controllo qualità” delle produzioni per conto di noti marchi della moda. Dalle verifiche effettuate analizzando le immagini riprese dai sistemi di videosorveglianza,  è stato possibile rilevare come i malviventi avessero raggiunto la sede  con veicoli rubati nelle ore precedenti. La banda, con base a Paderno Dugnano (Milano) agiva secondo lo stesso modus operandi, ovvero rubando auto per usarle come ariete e incendiando pneumatici lungo le vie di accesso alle aziende per ostacolare l’arrivo delle forze di polizia, e avrebbe messo a segno in totale, secondo le accuse, 11 furti per un totale di 1 milione di euro di merce rubata,
commessi nell’arco di soli 3 mesi in tutto il Nord Italia.
I carabinieri di Paderno Dugnano hanno denunciato in stato di libertà per ricettazione l’uomo che percepiva  un reddito per la custodia della merce rubata. I militari hannot trovato e  riconsegnato al legittimo proprietario  345 borse in pelle nuove,  rubate il 13 Aprile presso una pelletteria di Reggello (FI).

 

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.