Home News Caduta fatale durante escursione nel Lecchese, la vittima studiava Medicina a Pavia

Caduta fatale durante escursione nel Lecchese, la vittima studiava Medicina a Pavia

Giovanni Borsatti, 25 anni, voleva specializzarsi in Psichiatria e frequentava il sesto anno all'ateneo di Pavia, alunno dello storico collegio Borromeo. Il rettore: "Ragazzo straordinario, lutto inconsolabile".

Giovanni Borsatti

E’ Giovanni Borsatti, 25 anni, studente al sesto anno di medicina, la vittima del tragico incidente avvenuto sulle montagne del Lecchese; frequentava l’Università di Pavia, alunno dello storico Collegio Borromeo. Nato a Trento, era residente a Milano. “Giovane dalla mente brillante – si legge in un comunicato diffuso dal Collegio Borromeo – aveva già terminato tutti gli esami e aveva anche concluso la tesi. Intendeva specializzarsi in Psichiatria. La montagna era la sua grande passione, condivisa con la famiglia con la quale aveva deciso di trascorrere le vacanze pasquali”. Il rettore del Collegio Borromeo, Alberto Lolli, ne ricorda le “grandi capacità intellettuali”. “Era un ragazzo straordinario, dedito allo studio e appassionato di escursioni. Ma questa volta la montagna lo ha tradito. Aveva un passo veloce. Sempre. In ogni cosa. E come sempre è corso avanti – racconta il rettore -. Giovanni ci ha lasciato all’improvviso, quasi come nel suo carattere. L’intera comunità del Collegio Borromeo è inconsolabile, cerca nella vicinanza dell’amicizia il conforto e nella fede, che Giovanni ha sempre testimoniato, la speranza per andare avanti. Ci stringiamo alla mamma, al papà, ai fratelli e alle sorelle perché Giovanni ci ha insegnato che la prossimità è autentica medicina”.

L’allarme è stato lanciato dai genitori nella serata di mercoledì perché il figlio non era rientrato e i tecnici del Soccorso Alpino della XIX Delegazione lariana, con 25 persone, i Vigili del Fuoco di Lecco e i carabinieri hanno avviato le ricerche nella zona di Barzio (Lecco), in particolare sul Sentiero degli stradini, che unisce le località Piani di Artavaggio e Piani di Bobbio. Dopo qualche ora i soccorritori hanno trovato a 1.800 metri di quota lo zaino del giovane. Il corpo si trovava un centinaio di metri più sotto. Da Como è arrivato l’elicottero di Areu, abilitato per il volo notturno, che ha scaricato il medico che non ha potuto far altro che constatare la morte del 25enne. La salma è stata recuperata e portata nella camera mortuaria dell’ospedale di Lecco.

Commenti FB

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version