Potremmo dare una laurea in lettere indirizzo critico filologico letterario (ovvero ciò che si studia per svolgere l’attività di critico letterario) a Google? Oppure, come dice quel meme: “Date un premio a quel motore di ricerca!“.

A cercare “Gallipedia” viene fuori come primo risultato “L’enciclopedia dei polli, dei galli e delle galline”. Fantastico, e autoironico, considerato che è riferito a noi telespettatori e lettori.

Il secondo risultato, invece, è il libro di cui vorrei parlare oggi. Ovvero “Gallipedia”, ovvero il libro scritto da Massimo Galli per Vallecchi. Spiega la sinossi: “Questo non è il libro sulla pandemia, che scriverà forse un giorno, ma un viaggio nelle esperienze di un uomo rigoroso e con un grande senso del dovere, alla ricerca della persona nascosta dietro al medico e allo scienziato”. Esce domani, e sono 224 domande allo scienziato, come scrive l’autrice, lei davanti e Galli dietro in un post surrealista con foto al contrario.

continua su

Gallipedia, ovvero l’enciclopedia di noi lettori polli

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.