Home News Profughi dall’Ucraina, Moratti incontra l’ambasciatore francese Masset

Profughi dall’Ucraina, Moratti incontra l’ambasciatore francese Masset

Si è discusso di cooperazione sanitaria e di accoglienza ai profughi in fuga dalla guerra.

L'incontro tra Letizia Moratti e l'ambasciatore francese
Si è discusso di cooperazione in materia sanitaria e di accoglienza ai profughi ucraini in fuga dalla guerra nell’incontro tra l’assessore al Welfare e vicepresidente di Regione Lombardia, Letizia Moratti, con l’ambasciatore francese in Italia, Monsieur Christian Masset. Lo ha comunicato la stessa vicepresidente con un tweet. Sono 50.649 i profughi in fuga dal conflitto arrivati finora in Italia, secondo i dati del Viminale. La maggioranza è composta da donne, 25.846, e da minori, 20.478, mentre gli uomini sono 4.325. Le principali città di destinazione dichiarate al momento dell’ingresso in Italia sono Milano, Roma, Napoli e Bologna. Il tema dell’accoglienza sta mobilitando Governo ed Enti locali, che devono lavorare in stretta collaborazione perché il numero dei profughi, vista la situazione in Ucraina, è destinato ad aumentare. Regione Lombardia ha confermato, nei giorni scorsi, che il Pirellone sta facendo “fronte comune” con Comuni della Lombardia per sostenere chi scappa dalla guerra. Martedì si è tenuta una riunione con il presidente dell’Anci Lombardia Mauro Guerra, quello dell’Upl (Unione delle province) Luca Santambrogio, il prefetto di Milano Renato Saccone, che coordina i prefetti lombardi, oltre alla vicepresidente e assessore regionale al Welfare Letizia Moratti, all’assessore alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità Alessandra Locatelli, e al coordinatore del Comitato esecutivo per l’emergenza Ucraina Guido Bertolaso. Il Governo si prepara a stanziare nuovi fondi per l’accoglienza dopo i 10 milioni di euro iniziali, con un decreto venerdì all’esame del Consiglio dei ministri. L’incontro di oggi tra la vicepresidente Moratti e l’ambasciatore Masset si inquadra nel lavoro di preparazione di tutte le misure necessarie per l’accoglienza e la gestione del flusso di arrivi.
Commenti FB

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version