Il sindaco Beppe Sala ha spiegato che se il direttore d’orchestra Valery Gergiev non pronuncerà parole chiare contro Putin e contro l’invasione russa il Teatro alla Scala interromperà immediatamente la collaborazione con lui. La questione è interessante. Da una parte c’è la richiesta da parte di un committente – perché questo Beppe Sala è, da un punto di vista anche formale, essendo il presidente della Fondazione del Teatro – di esprimere un atto di condanna rispetto all’invasione ingiustificata dell’Ucraina. Pare una cosa assolutamente giusta: in troppi, per tornare indietro al nazismo, si schierarono con il regime senza dotarsi di pensiero critico. Dunque, essendo quella di Putin una azione criminale, chi non la condanna è passibile di biasimo, e con chi non condanna i criminali non si lavora. Il pensiero ha una sua logica.

Continua su

https://www.affaritaliani.it/milano/gergiev-il-sindaco-di-milano-una-questione-filosofica-aperta-il-commento-782259.html?refresh_ce

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.