Home News Ucraina, comunità a Milano: “ore di angoscia e paura”

Ucraina, comunità a Milano: “ore di angoscia e paura”

Moratti: "disorientamento e preoccupazione". Sala: " Scala, Gergiev prenda distanze".

“Per me è difficile parlare adesso. Sono preoccupato perché ho dei cari a casa mia. Tra poco ho la messa con la mia comunità e non so con quale sentimento la gente verrà. È una situazione molto drammatica”. Con poche parole e un profondo turbamento padre Igor Krupa, sacerdote della comunità ucraina di Milano, descrive a Mianews il suo stato d’animo a poche ore dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina.
Secondo Fabio Prevedello, referente dell’associazione Italia-Ucraina Maidan, gli ucraini in Italia “stanno vivendo ora di estrema angoscia e paura”. Uno stato d’animo che tocca anche la comunità di Milano che nel 2021 contava 8.312 persone.
“Ci sono nostri connazionali che non sanno come rientrare perché lo spazio aereo è chiuso e non ci sono trasporti ferroviari. Ci sono ucraini che vivono in Italia da 10-15 anni che erano a casa per trovare i genitori, ma ora dovranno attraversare di corsa l’Ucraina in macchina per cercare di tornare in Unione Europea”, dichiara a Mianews Prevedello che parla di “profondi bombardamenti su tutte le grandi città ucraine, le infrastrutture militari e gli aeroporti civili”.
Nonostante le numerose chiamate, i collegamenti con l’Ucraina rimangono difficili. “L’esercito russo sta disturbando tutte le comunicazioni. Restano solo poche linee, ma vengono usate per le emergenze. Le linee internet e per i cellulari funzionano solo al 10% della loro possibilità”. continua Prevedello che non nasconde la preoccupazione anche per la sorella di sua moglie che in qualità di infermiera in terapia d’urgenza potrebbe essere chiamata dall’esercito in ogni momento e inviata al fronte.

“Va benissimo che si facciano dichiarazioni a sostegno di popolo ucraino, ma bisogna fare di più, innanzitutto la politica, con la diplomazia e il mondo economia deve fare di più. “La dama di picche” alla Scala è diretta dal maestro russo Valery Gergiev, che ha più volte dichiarato vicinanza a Putin: gli stiamo chiedendo di prendere posizione contro questa invasione e se non lo farà dovremo interrompere la collabroazione”. Lo ha detto il sindaco Giuseppe Sala questa mattina nel corso del confronto con Luca Bernardo a Palazzo Marino. Sala ha poi aggiunto: “Voglio capire cosa farà il sistema bancario, Le banche italiane esposte rispetto al sistema russo, il vero punto è capire quanto Putin ha un consenso totale di chi gli sta intorno o no. Gli oligarchi russi sostengono Putin o meno. A ognuno la sua sua parte”, ha concluso Sala.

“La giornata di oggi è iniziata con un sentimento di disorientamento e preoccupazione di fronte all’evolversi nelle ultime ore della crisi tra Russia e Ucraina. In questi due anni la pandemia ci ha unito, tutti i Paesi del mondo si sono trovati deboli e indifesi di fronte a un nemico comune. Ora però la guerra ci riporta a dinamiche di divisione e paure che pensavamo, almeno nel nostro Continente, potessero appartenere a un passato ormai remoto”. Lo scrive in un post Letizia Moratti, vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia.
“In questo momento drammatico di guerra nel cuore dell’Europa, ricordo lo straordinario e attualissimo appello di Papa Giovanni XXIII del 25 ottobre 1962, rivolto ai governanti della terra e a tutti gli uomini di buona volontà.
Chi fa ricorso alle armi e alla violenza ha sempre torto. Il mio pensiero – conclude Moratti – va a tutte le persone innocenti e indifese che stanno soffrendo in queste tragiche ore, nella speranza che la diplomazia torni protagonista e, con essa, la pace”. (MiaNews)

Commenti FB
Articolo precedenteNascondeva cocaina nella mascherina, arrestato
Articolo successivoUcraina, presidio per la pace oggi in piazza della Scala
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version