Regionali, Santanchè: “Fratelli d’Italia ha un suo candidato”. E non è Fontana

La coordinatrice regionale del partito agita il centrodestra in Lombardia. La Lega: "Spetta a Salvini l'ultima parola sul candidato". Forza Italia: "Sarà una scelta unitaria della coalizione".

49

Ad aprire il fuoco, oggi, è stata la coordinatrice regionale di Fratelli d’Italia, Daniela Santanchè: “Non può sempre e solo decidere Salvini – ha detto – non so quali siano le intenzioni del presidente Fontana, non sappiamo ancora se lui vorrà candidarsi, nel caso faremo una riflessione, ma Fdi ha un suo candidato”. A proposito dell’identikit di quello che potrebbe essere il candidato presidente della Regione Lombardia di Fratelli d’Italia, Santanchè ha detto: “Donna o uomo non lo dico, se no sarebbe troppo facile indovinare. Sarà una persona competente, che da molti anni si occupa di politica, che conosce bene i meccanismi. Siamo consapevoli di avere un candidato pronto per la sfida della Regione Lombardia che per noi è molto importante”. A chi le chiedeva se le vicende giudiziarie del governatore uscente Fontana potrebbero avere un peso in una sua eventuale ricandidatura, la coordinatrice regionale del partito di Giorgia Meloni ha risposto: “Sono una persona assolutamente garantista, la magistratura farà il suo corso ma per noi non è colpevole prima di sentire il giudizio”. “La Lega è ampiamente il primo partito del centrodestra in Lombardia, per cui tocca a Matteo Salvini fare la sintesi e avere l’ultima parola sul candidato in Lombardia. E come sempre sceglieremo il miglior candidato per la Lombardia e i suoi cittadini”. Lo dichiarano Fabrizio Cecchetti ed Eugenio Zoffili, coordinatore e vice coordinatore della Lega Lombarda per Salvini Premier, a proposito delle parole di Daniela Santanché. “Il candidato governatore non spetta a questo o quel partito: sarà frutto di una scelta unitaria da parte di tutte le forze del centrodestra”, secondo il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, Gianluca Comazzi. “Se a un anno dalle regionali si comincia già a parlare di candidati di partito e non di coalizione cominciamo male”. Per l’esponente azzurro, “le ultime amministrative a Milano sono l’esempio evidente del fatto che quando prevalgono i personalismi non si va da nessuna parte. Il candidato governatore non spetta a questo o quel partito: sarà frutto di una scelta unitaria da parte di tutte le forze del centrodestra. Solo in questo modo potremo tornare a vincere e a garantire il buon governo che da oltre vent’anni caratterizza Regione Lombardia”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.