Trenord: il virus ha dimezzato i passeggeri

Ferrovie lombarde fortemente penalizzate dalla pandemia: gli utenti sono dimezzati rispetto al pre - Covid. Intanto sono entrati in servizio 39 convogli dei 222 acquistati con i fondi della Regione. I vandalismi costano 8 milioni l'anno.

40
(Foto Omnimilano)

Terminato il periodo acuto dell’emergenza sanitaria, Trenord effettua oggi 2174 corse nei giorni feriali con oltre 1 milione e 30mila sedili offerti, il 106% rispetto al periodo pre Covid. E questo a fronte di 430 mila viaggiatori al giorno, circa la metà rispetto a prima della pandemia. Sono i principali dati forniti dall’amministratore delegato dell’azienda che gestisce il servizio ferroviario in Lombardia, Marco Piuri, in commissione Infrastrutture e trasporti del Consiglio regionale. L’azienda prevede per quest’anno una riduzione complessiva dei viaggiatori trasportati di circa il 26% rispetto al 2019, con una media attesa di 600 mila viaggiatori al giorno. Nel 2021 – ha spiegato Piuri – si è confermata la forte riduzione dei passeggeri trasportati, -44% rispetto all’anno pre Covid. Dopo una ripresa ad ottobre 2021, la domanda si è stabilizzata fino a fine anno. I ricavi da traffico nel 2021 sono stati pari a 193 milioni, il 45% in meno rispetto al 2019. E questo a fronte di costi operativi per 733 milioni di euro, di cui circa 7 milioni aggiuntivi legato all’emergenza Covid. Nell’anno l’azienda ha ricevuto 60 milioni di euro di ristori per mancati ricavi ma “ad oggi non sono previsti decreti a ulteriore copertura” dei 70 milioni restanti. Nel 2022 l’azienda prevede di incassare dalla vendita di biglietti e abbonamenti 260 milioni di euro, 93 in meno rispetto dei 353 dell’anno pre Covid, ma anche per quest’anno ad oggi “non sono previste risorse per mancati ricavi”. Su questa tema è intervenuto l’assessore regionale al Bilancio, Davide Caparini: “C’è una fitta interlocuzione con il Governo – ha detto – affinché ci sia al più presto un cospicuo rifinanziamento del trasporto pubblico locale”. In commissione Piuri ha parlato delle consegne dei 222 nuovi treni acquistati grazie all’investimento di 2 miliardi di euro di Regione Lombardia. Di questi, 39 sono già in servizio. Oggi, il 36% della flotta è ancora composto da treni di vecchia generazione, ma entro la fine del 2022 questa percentuale scenderà sotto il 20% grazie all’immissione di 68 nuovi treni. Complessivamente vandalismo e azioni per la sicurezza hanno comportato per Trenord costi di 8 milioni di euro. “Il servizio ferroviario sta tornando alla normalità, dato che è in via di superamento l’emergenza dovuta alle assenze per malattia e quarantene del personale di Trenord”, ha commentato infine l’assessore regionale ai Trasporti Claudia Maria Terzi. 

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.