Home News Covid, in Lombardia cala la pressione sui ricoveri ospedalieri

Covid, in Lombardia cala la pressione sui ricoveri ospedalieri

I numeri di questo fine settimana inducono a un cauto ottimismo, come conferma una analisi realizzata dalla Direzione Generale Welfare di Regione Lombardia.

I numeri di questo fine settimana inducono a un cauto ottimismo, come conferma una analisi realizzata dalla Direzione Generale Welfare di Regione Lombardia. “Questa situazione – commenta la vicepresidente ed assessore regionale al Welfare Letizia Moratti – da un lato mette in luce la stabilizzazione della curva pandemica e dall’altro conferma l’efficacia organizzativa messa in campo dalla sanità lombarda anche attraverso il trasferimento di pazienti meno gravi in strutture intermedie riservate a sub acuti e post acuti, in modo da alleggerire la pressione sui ricoveri ospedalieri in area medica e terapie intensive”. “Il rallentamento della curva epidemiologica, accelerata nelle scorse settimane dalla variante Omicron – conclude Moratti – è anche frutto della massiccia campagna vaccinale che vede la Lombardia somministrare vaccini costantemente al di sopra dei target assegnati dalla struttura commissariale. La Lombardia ha superato il 90% delle adesioni tra la popolazione vaccinabile over 5 anni, che salgono al 97% se si considerano solo gli anziani over 60, e al 94% se invece si considerano gli over 12 escludendo i bambini 5/11 anni”.

L’analisi della D.G. Welfare evidenzia come quattro indicatori indipendenti tra loro segnalano un calo del fenomeno Covid in Lombardia.  Ogni indicatore registra una fase diversa dell’ondata epidemica: il primo indicatore è il numero di chiamate per eventi infettivi ad AREU, il secondo indicatore registra il numero di tamponi positivi sulla popolazione (Incidenza), il terzo il numero di ricoverati in ospedale, il quarto i ricoverati in terapia intensiva. In maniera coerente tra loro, gli indicatori evidenziano come l’ondata pandemica sia in fase di esaurimento in quanto sia gli indicatori più precoci (che registrano le prime fasi della malattia) sia quelli più tardivi (l’evento ricovero) sono in fase calante.

Commenti FB
Articolo precedenteCincinnato non va bene per fare il Presidente
Articolo successivoFigliuolo, siamo al plateau di Omicron
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version