Home News Atm, pareti green al Giambellino e bosco urbano a San Donato

Atm, pareti green al Giambellino e bosco urbano a San Donato

Le iniziative si inseriscono nel più ampio piano di sostenibilità e rinnovo della flotta. In arrivo altri 75 bus elettrici.

Un design urbano sempre più verde e nuovi mezzi di trasporto sostenibili sono le proposte green di Atm rivolte a Milano e ai suoi cittadini, per una migliore qualità dell’aria e dell’ambiente. Due i nuovi progetti di sostenibilità ambientale che l’Azienda sta portando avanti, nell’ambito del più ampio piano di investimenti nella flotta elettrica: 350 metri quadrati di parete verde sull’intera facciata dello storico deposito di autobus in via Giambellino e un bosco di 330 alberi nella sede di San Donato, la prima completamente riconvertita alla gestione dei bus elettrici. Entrambe le iniziative si inseriscono nel più ampio progetto “Full Electric” di Atm, che procede senza sosta. Oggi sono già in servizio 170 e-bus su 10 linee e altri 75 sono in arrivo nel 2022. L’obiettivo è rinnovare completamente l’intero parco dei 1.200 mezzi entro il 2030. Questo si tradurrà in una riduzione del consumo di gasolio di 30 milioni di litri all’anno e nell’abbattimento delle emissioni di CO2 pari a 75 mila tonnellate annue.

Deposito Giambellino parete verde

“GREEN WALL” IN VIA GIAMBELLINO  In queste settimane è stata definita la realizzazione della parete verde, la cui progettazione ha visto il coinvolgimento della comunità e delle associazioni del quartiere. I lavori, co-finanziati dal Comune di Milano nell’ambito del bando BE2 e del progetto europeo H2020 CLEVER Cities (https://milanoclever.net/), inizieranno la prossima primavera. Il risultato sarà misurato con una diminuzione della temperatura dell’aria dell’edificio fino a 4,5 gradi e un risparmio energetico fino al 40% per il raffrescamento e di circa il 5% per il riscaldamento dello stabile. La parete sarà inoltre dotata di impianti totalmente automatizzati di irrigazioni e fertilizzazione, e di rilevatori per misurare l’assorbimento del pm10.

Dipendenti Atm piantano alberi a San Donato.

BOSCO URBANO A SAN DONATO – Nei giorni scorsi un gruppo di persone di Atm del deposito di San Donato è stato protagonista della piantumazione di 330 alberi su un’area di circa 1.700 metri quadrati: 30 ad alto fusto sono stati posizionati all’ingresso della struttura aziendale, gli altri 300 di tipo forestale sono stati piantumati in un’area adiacente al deposito dei treni della linea Gialla. La quantificazione dei benefici locali e globali della forestazione può avvenire tramite la stima dei cosiddetti “Servizi Ecosistemici”. Tra questi, la tutela del suolo e dell’assetto idrogeologico, la conservazione della biodiversità, il miglioramento della qualità dell’aria attraverso la rimozione di inquinanti particellari, l’assorbimento di anidride carbonica.  A ciclo completo, le piante nel deposito di San Donato avranno assorbito circa 38 mila kg di CO2. La realizzazione del bosco urbano rientra nelle attività del verde di Atm e del Comune di Milano ed è stata realizzata con la collaborazione di Rete Clima, che ha calcolato i benefici diretti e indiretti dell’operazione. Nonostante la situazione attuale, prosegue speditamente il processo di transizione ecologica e ambientale di Atm, che mira ad estendere il rispetto dei criteri di sostenibilità a tutta la catena di fornitura del Gruppo, oltre a confermare la volontà di creare valore sociale e a guidare così la mobilità pubblica della città verso un futuro sempre più green.

 

Commenti FB
Articolo precedenteSanità, ok al sistema di misurazione sul raggiungimento degli obiettivi
Articolo successivoRapina Farmacie, 4 colpi in un’ora a Milano
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version