Home News Furto in casa del giocatore dell’Inter Stefano Sensi, bottino 200 mila euro

Furto in casa del giocatore dell’Inter Stefano Sensi, bottino 200 mila euro

Il giocatore - impegnato ieri nella partita Inter-Torino - ha allertato la polizia dopo aver scoperto, rincasando, che il suo appartamento in zona Gae Aulenti era stato 'visitato' dai ladri.

Furto nella notte in casa del giocatore dell’Inter Stefano Sensi. Poco dopo la mezzanotte e mezza, il giocatore – impegnato ieri nella partita Inter-Torino – ha allertato la polizia dopo aver scoperto, rincasando, che il suo appartamento in zona Gae Aulenti era stato ‘visitato’ dai ladri. Secondo le ricostruzioni, i malviventi sarebbero entrati forzando la porta finestra della cucina situata al primo piano. Sono stati rubati soprattutto borse di marca e gioielli appartenenti alla moglie del calciatore, per un valore complessivo di circa 200mila euro.

Commenti FB
Articolo precedenteCovid, Lombardia: rafforzata la sorveglianza per Sars-Cov-2 del personale sanitario
Articolo successivoCultura, le aperture di mostre e musei a Milano durante le festività
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version