“La psicologia per i diritti umani”

Al via il 22 novembre la settimana dedicata alla psicologia e ai diritti umani organizzata dall’Ordine degli Psicologi della Lombardia.

17

Contrasto a ogni forma di discriminazione e tutela, difesa e promozione della cultura dei Diritti umani: è con questo impegno che l’Ordine degli Psicologi della Lombardia (OPL) organizza la seconda edizione della Settimana dei Diritti – patrocinata dal Comune di Milano e dalla Regione Lombardia – che prevede un ricco calendario di eventi online, dal 22 al 26 novembre, con l’obiettivo di aumentare la competenza e la consapevolezza di una cultura dei diritti umani nella categoria degli psicologi e  sensibilizzare la società civile rispetto alla creazione di una cultura che riconosca il lavoro dello psicologo come professionista che tutela i diritti. Con una attenzione particolare al momento storico che stiamo vivendo e all’impatto che la pandemia da Covid-19 ha avuto sui diritti umani.
Oltre cinquanta relatori per diciotto incontri organizzati online dalla Consulta per i Diritti dell’OPL. Nelle varie giornate si parlerà di fine vita e diritti dei morenti, spesso violati in epoca moderna, con focus sul diritto all’autodeterminazione all’impatto del Covid-19; amore e diritti delle persone portatrici di disabilità; diritti dei migranti, limitati ulteriormente a causa della pandemia; effetti della pandemia sulla comunità LGBT+; diritto al lavoro delle donne tra precarietà, desideri, futuro; impatto che la situazione emergenziale ha avuto sul benessere psicologico di bambini e adolescenti.

L’Ordine degli Psicologi della Lombardia fa leva su un approccio trasversale, strutturato e progettuale grazie al quale crea percorsi di formazione per gli psicologi oltre a momenti di approfondimento su varie tematiche per informare la cittadinanza sul ruolo dello psicologo come promotore dei Diritti umani.

Affianca la settimana dedicata alla Psicologia dei Diritti Umani la mostra “PerPorPourForVirZum”, curata da Giacinto di Pietrantonio, Docente dell’Accademia di Belle Arti di Brera, curatore e critico d’arte, che ha convinto artisti di fama internazionale – che lavorano sui temi dei diritti già da anni – a esporre virtualmente le loro opere all’interno del Luogo dell’Arte sul portale OPL. Per Diritti dell’Infanzia, Bambini e Adolescenti sono presenti le opere di Patrizio Di Massimo, Por Diritti delle Donne  le opere di Mariella Bettineschi, Pour Diritti LGBTQI+ le opere di Sara Revoltella, For Diritti della Disabilità le opere di Luca Saini, Vir Diritti dei Migranti  le opere di Sislej Xhafa e infine,  Zum Diritti dei Morenti e Fine Vita  le opere di Simeone Crispino e Stella Scala, in arte Vedovamazzei. Fino al 1° gennaio 2022.

 Gli eventi saranno tradotti simultaneamente in LIS – Lingua dei segni italiana, e successivamente disponibili sottotitolati sul canale Youtube di OPL.

Per info: www.opl.it

 

 

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.