Home News Rischio nebbia e inquinamento in pianura

Rischio nebbia e inquinamento in pianura

Siamo in presenza della cosiddetta inversione termica , spiega il metereologo Simone Abelli di IconaMeteo, con aria più fredda e stagnante a bassa quota e più calda mano a mano che si sale; questo favorisce l'accumulo di inquinanti.

Dopo diverse giornate segnate dal maltempo, soprattutto al Centro-Sud, la situazione è in graduale miglioramento e l’alta pressione si sta estendendo verso l’Italia: tra domani e sabato garantirà praticamente ovunque tempo stabile e temperature in aumento. Il rovescio della medaglia si chiama “inversione termica”: farà sentire i suoi effetti soprattutto nelle zone di pianura del Nord, dove provocherà banchi di nebbia, anche fitti e persistenti, e un maggiore rischio di inquinamento. Come suggerisce il suo nome – ci spiega il meteorologo Simone Abelli di IconaMeteo.it –, il fenomeno dell’inversione termica si riferisce all’andamento della temperatura con la quota. Normalmente più saliamo di quota, più l’aria diventa fredda; lo sperimentiamo ad esempio quando andiamo in montagna dove generalmente fa più freddo che in pianura, e questa è la condizione abituale. Eccoci allora al punto in questione: quando è presente un’inversione termica, la temperatura aumenta con la quota invece che diminuire. È un fenomeno tipico delle situazioni connotate dalla presenza di un’area di alta pressione che ne accentua ancor di più le caratteristiche quando è accompagnata da uno strato di aria particolarmente mite in quota. Le cause di questa deviazione dalla normalità sono diverse, così come sono diversi i tipi di inversione (al suolo, in quota, nelle pianure, nelle valli). L’inversione termica negli strati bassi in pianura è causata dal raffreddamento del suolo, in particolare nelle ore notturne e in maniera più accentuata nel semestre freddo. Durante le notti, in condizioni di cielo sereno e ventilazione debole o assente, il suolo perde calore per irraggiamento verso lo spazio e, di conseguenza, lo strato atmosferico più basso viene raffreddato dalla superficie terrestre. Questo raffreddamento è tanto più intenso quanto più lunghe, tranquille e serene sono le notti. Ed eccoci, dunque, di fronte alla situazione in questione, con aria più fredda vicino al suolo e aria più calda in quota. Le conseguenze però si fanno sentire sulla qualità dell’aria; in presenza di un’inversione termica l’atmosfera risulta stabile, ossia non soggetta a rimescolamenti d’aria verticali. Ne consegue che negli strati bassi tendano a ristagnare umidità e inquinanti, con conseguente peggioramento della qualità dell’aria e formazione di nebbia nella stagione fredda. Questi effetti sono tanto più significativi quanto maggiore è lo spessore dell’inversione termica che, in molte giornate invernali, non riesce a dissolversi neppure nelle ore diurne.

Commenti FB

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version