Green pass: Segre, a chi lo paragona alla Shoah dico silenzio

Così la senatrice a vita ha commentato l'episodio dei manifestanti no Green pass che si sono vestiti da prigionieri dei campi di concentramento o che parlano di 'nazismo' e 'dittatura sanitaria'.

21

“A quei no vax che si sono travestiti da prigionieri del lager dico che si risponde silenzio”. Così la senatrice a vita Liliana Segre ha commentato l’episodio dei manifestanti no Green pass che a Novara si sono vestiti da prigionieri dei campi di concentramento e in generale i paragoni portati avanti dai manifestanti durante i cortei, nel corso della presentazione del libro della giornalista Myrta Merlino, ‘Donne che sfidano la tempesta’, nell’ambito di Bookcity, la manifestazione dedicata ai libri e alla lettura, a cui ha preso parte anche il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Durante la pandemia “ho sofferto molto come tutti e ho avuto la sensazione fortissima di una cosa che conoscevo e che non portava a niente di bello, contro un nemico invisibile questa volta – ha aggiunto -. Quella finta euforia dai balconi che si è vista nei primi giorni mi dava un senso contrario rispetto a quello che si voleva esprimere in quel momento. C’erano quelli che dicevano ‘dopo saremo migliori’ e io invece ero pessimista e lo sono perché ho visto l’euforia di quando avevamo il nemico visibile e poi una volta sconfitto insieme a quella libertà tanto agognata ci sono stati dei risvolti così moralmente tristi da fare sì che molta gente si chiedeva perché milioni di persone erano morte per lasciare spazio a corruttori e corrotti”. “E anche con la pandemia – ha concluso la senatrice a vita – abbiamo visto questo, ci sono stati corruttori e corrotti, non abbiamo visto dare importanza a quella gratitudine verso coloro che si erano sacrificati ma delle reazioni che mi sembrano incredibili”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.