Capi rubati in vendita al mercato, 4 denunciati

27

“Questa volta non si è trattato di falsi ‘griffati’ ma di capi originali, rubati e messi in vendita. Grazie all’intervento del Gruppo Operativo Anti Contraffazione della Polizia Locale di Milano sono stati recuperati e restituiti ai legittimi proprietari più di 2mila capi di abbigliamento da donna, per un valore di oltre 90 mila euro”. Lo fa sapere l’assessore alla Sicurezza Marco Granelli. Gli indumenti, spiega, “erano stati rubati mentre erano in viaggio per l’estero. L’operazione è partita dal controllo di una bancarella in zona Corso XXII Marzo, dove la merce era stata messa in vendita con le etichette originali e i dispositivi antitaccheggio ancora attaccati. Insieme ai due ‘venditori’, cittadini stranieri privi di permesso di soggiorno, sono stati denunciati in concorso per il reato di ricettazione altri due uomini, ritenuti responsabili dell’immissione sul mercato della merce rubata. Bene questo intervento: ogni volta che si spezza una filiera – anche piccola – di illegalità, si tutela chi lavora onestamente e nel rispetto delle regole”. (MiaNews)

Commenti FB
Elezioni Regionali 12 e 13 Febbraio
Articolo precedenteNo green pass a caccia di giornalisti con tanto di “investigatori”
Articolo successivoCaso camici, verso la richiesta di processo per Fontana
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati