Questa mattina alle 11 a Polizia locale ha arrestato in via Settala all’angolo con viale Tunisia un camerunense di 27 anni che, dopo aver avvicinato una pattuglia e insultato un’agente, ha cercato di inserire un braccio nell’abitacolo dell’auto. Alla richiesta di controllo dei documenti avanzata dagli agenti, l’uomo ha reagito con violenza ha aggredito con diversi oggetti i vigili. Prima ha lanciato con forza una bottiglia, poi ha raccolto da terra un asse di legno per colpire gli uomini della pattuglia. Un agente è stato ferito alla testa e ha perso sangue, l’altro agente è stato raggiunto colpito al gomito. L’aggressore ha cercato di aggredire, senza riuscirci, anche alcuni cittadini che hanno assistito all’aggressione. “Si tratta di un brutto episodio da parte di un uomo contro agenti di Polizia Locale che hanno agito prontamente e con professionalità. Di questo li ringrazio, perché svolgono un servizio di qualità nella nostra città, che si vede anche in queste difficili circostanze. La mia solidarietà a tutti loro ed in particolare all’agente rimasto ferito. Ora è in pronto soccorso e spero vada tutto bene”, commenta l’assessore alla Sicurezza Marco Granelli.

Commenti FB
Articolo precedenteVaccinazioni, più fondi per i medici di base
Articolo successivoCovid, Lombardia: 412 i nuovi casi (0,2%), diminuiscono i ricoveri nei reparti (-5)
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati