Goggi: “La stella di Milano si affosserà nella sua bolla immobiliare”

La delusione del candidato sindaco dei Socialisti e dei Liberali che in campagna elettorale puntava il dito contro uno "sviluppo dell’urbanistica milanese tra eccesso immobiliare e divisione sociale che avrebbe portato al declino della città".

81

0,71%. È il risultato che delude i Socialisti milanesi, che correvano autonomamente insieme ai Liberali e che presentavano come candidato sindaco Giorgio Goggi, urbanista, ex docente del Politecnico ed ex assessore a Palazzo Marino. Contavano di rialzare la bandiera del socialismo milanese dopo tanti anni, nel solco di una tradizione antica e con una proposta articolata per il futuro della città. Ma gli elettori, i pochi che sono andati al voto, li hanno ignorati.

Giorgio Goggi commenta così il voto di domenica e lunedì: “Avevo completato un piccolo libro sulle insidie dell’urbanistica milanese, e così titolato, nel quale esprimevo la convinzione che la direzione di sviluppo presa dell’urbanistica milanese, tra eccesso immobiliare e divisione sociale, avrebbe portato al declino della città. Così, quando i miei compagni furono riusciti nell’impresa di riunire tutte le anime del socialismo milanese, non accasate altrove, e mi chiesero di fare il candidato sindaco, dopo un periodo di incredulità, accettai pensando che sarebbe stato il mezzo per far conoscere alla città i rischi che stava correndo. La lista socialista autonoma, cui si aggiunse una leale e fattiva collaborazione della lista liberale, fu così varata con l’entusiasmo dei militanti. Si era così individuata quella socialdemocrazia liberale che sembra ora apprestarsi a governare la Germania. Durante la campagna elettorale fummo accolti bene da tutti i cittadini contattati, a riprova che l’interdizione nei confronti dei socialisti era ormai caduta. I temi di riflessione che ponevamo sul destino di Milano venivano compresi e condivisi.
Tuttavia, essere partiti minori non ci avvantaggiava sui grandi media, giornali e televisione. E’ stata una sconfitta epocale, non solo nostra, ma di tutti i partiti ad eccezione delle due grandi coalizioni, con un tasso di assenteismo, per Milano, drammatico.
Al di là dell’indubitabile sconfitta questo segnala che ben più di qualcosa, a Milano, non va. Ora spero che le forze che hanno ridato vita ai nostri partiti non demordano e non si disperdano. Avranno il compito di allenare un nuovo candidato sindaco, forte, autorevole, e che sappia parlare anche al cuore, perché la testa non basta. Ne avranno bisogno, perché questa situazione politica procurerà ben altri danni a Milano. L’età avanzata mi protegge, temo però di non essere vecchio abbastanza per non vedere la stella di Milano affossarsi nella sua bolla immobiliare”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.