Rapinano orologio falso, due arresti a Milano

21

La Polizia di Stato ha arrestato due italiani di 48 e 33 anni per rapina al termine di un’indagine su una serie di colpi messi a segno da malviventi in scooter che rapinavano orologi di pregio ad automobilisti. Nella mattinata di giovedì 16 settembre, gli agenti della sezione Antirapina della Squadra Mobile hanno monitorato, con sistemi GPS, i movimenti dei due spospettati che hanno individuato la loro vittima mentre rientrava presso la sua abitazione in via Paravia a bordo della sua auto. Non appena la vittima ha fatto ingresso nel condominio dove risiede i due l’hanno raggiunta a piedi minacciandola, armati di pistola, di consegnare l’orologio che aveva al polso, replica di Hublot Big Beng il cui originale ha un valore di circa 22mila euro, impossessandosene dopo una colluttazione. Tornati nel B&B in cui alloggiavano, i due sono stati bloccati dai poliziotti e trovati in possesso dell’orologio rapinato. Inoltre, oltre agli scooter utilizzati, di dubbia provenienza dal momento che il numero di telaio era cancellato, sono state rinvenute diverse targhe adesive tra le quali quella applicata nel corso della rapina e segnalata da un testimone.
All’interno di uno scooter sono state rinvenute, altresì, la pistola utilizzata, una scacciacani marca BRUNI replica di una Walther PPK, con tappo verniciato di nero, e due radio ricetrasmittenti. Le indagini, condotte dagli agenti della Squadra Mobile di Milano, hanno permesso di risalire, approfondendo episodi di rapine violentissime consumate nei mesi scorsi, sempre ricorrendo all’uso di armi, ad uno scooter utilizzato dalla banda e di rintracciarlo nei pressi di un B&B in zona Barona. La tecnica dei malviventi era sempre la stessa: percorrere su due scooter le strade più trafficate e, una volta individuata la vittima, attendere il momento in cui la stessa arrestasse la marcia per poterla aggredire con violenza, minacciandola con la pistola e ingaggiando una colluttazione per sottrarre l’orologio.

Commenti FB
Elezioni Regionali 12 e 13 Febbraio
Articolo precedenteClima, Cingolani: tenere sotto controllo le temperature, pensiamo a misure che mitighino differenze [VIDEO]
Articolo successivoA2A-AeB, Mariani: “La sentenza deve essere rispettata”
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati