Resta a San Vittore l’anziano che ha ucciso un vicino in cortile a Milano

All'origine del delitto vecchi dissidi e non il fastidio per una grigliata con gli amici come sembrava in un primo momento. Convalidato l'arresto in carcere.

21

Ci sarebbero vecchi dissidi e non una lite per la grigliata in cortile all’origine dell’omicidio di Francesco Spadone, il 34 enne con precedenti ucciso mercoledì scorso nel cortile di un condominio popolare in via Ovada a Milano. Lo ha ribadito davanti al gip Tiziana Gueli lo stesso Rocco Sallicandro, il 72enne che ha sparato due colpi al petto a Spadone. Il giudice ha convalidato il fermo e disposto il carcere come chiesto dal pm.  L’anziano quindi resta a San Vittore. Il legale di Sallicandro, da quanto si è appreso, sta valutando di chiedere una perizia per accertare eventuali vizi di mente del suo assistito.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.