Home News “I talebani hanno picchiato i miei figli all’aeroporto”

“I talebani hanno picchiato i miei figli all’aeroporto”

Drammatica testimonianza di un afghano che ha cercato di raggiungere l'aeroporto di Kabul per fuggire ma non ci è riuscito. Lo segnala il Cisda (Coordinamento Italiano Sostegno Donne Afghane onlus)

Sfiorare la salvezza e non riuscire ad afferrarla. E’ quanto è capitato, ieri all’aeroporto di Kabul, alla famiglia di Ahmed (nome di fantasia). Lo segnala il Cisda, (Coordinamento Italiano Sostegno Donne Afghane onlus).  Nonostante
avessero diritto ad accedere a uno dei voli verso un paese europeo, Ahmed, la moglie e i due bambini non ci sono riusciti a causa della calca e delle violenze dei talebani e hanno dovuto rinunciare a partire. Ora temono ritorsioni.
Questo il drammatico messaggio di Ahmed al Cisda: “Io, mia moglie e i miei figli siamo andati all’aeroporto di Kabul nelle prime ore del mattino per
essere evacuati. Abbiamo attraversato l’inferno. Non trovo le parole per descrivere la situazione. Migliaia di persone cercano di entrare in aeroporto. Le ore che abbiamo trascorso lì erano un incubo. Ci sono stati momenti in cui eravamo senza fiato, mentre le persone spingevano e tiravano. Molti avevano aspettato per giorni fuori dall’aeroporto. Abbiamo cercato continuamente di
avvicinarci al cancello, ma persino spostarci di un centimetro era difficile. Tutti stavano cercando di fuggire dal paese, ma non sapevano come entrare nell’aeroporto. Mia moglie e i nostri due bambini hanno dovuto assistere alle scene peggiori della loro vita.” “Come padre, è stato il momento più difficile, perché stavo facendo del mio meglio per portarli al sicuro dall’altra parte del muro verso un futuro migliore, ma assistevo alla loro paura mentre venivamo picchiati senza pietà. I miei figli non avevano mai visto i talebani, ma
ora hanno sperimentato la loro brutalità. Mi sentivo impotente, perché non potevo proteggerli mentre venivano picchiati. Ho dovuto supplicare i talebani di risparmiare almeno i bambini. I proiettili sono stati sparati indiscriminatamente e chiunque avrebbe potuto essere colpito. Non riuscivo a trattenere le lacrime, perché non avevo mai immaginato che i miei figli e la mia+ famiglia avrebbero vissuto l’umiliazione che avevo vissuto io 25 anni fa.”
“Mia moglie, laureata in legge e attivista, è stata picchiata sulla testa e si è sentita umiliata anche+ nell’animo. Mi ha detto che non aveva la forza di alzarsi in piedi dopo aver visto il nostro bambino impallidire e sul punto di svenire per la paura. Mia figlia e mio figlio mi stringevano forte le mani. Piangevano, mi dicevano che saremmo stati uccisi e mi chiedevano di tornare a casa. Il mio bambino non riusciva a respirare per la paura e ho pensato che lo stavo perdendo. Mia figlia non urlava più. Le uscivano solo lacrime che le rigavano le guance.”
“Ho provato in tutti i modi a contattare qualcuno per chiedere aiuto, ma non è stato possibile. La mia famiglia ha attraversato l’inferno; inferno non è nemmeno la parola giusta. Volevo portarli lontano dal pericolo, invece li ho messi in pericolo e ora sono traumatizzati.” “Da quando abbiamo lasciato l’aeroporto, la mia famiglia è così spaventata! I miei bambini temono
che i talebani bussino alla porta, ci portino via e ci uccidano. Sto cercando di consolarli, ma le nostre vite sono a rischio e non so quali saranno le conseguenze, dopo che i talebani hanno visto che abbiamo tentato di imbarcarci e poi siamo tornati a casa. Non volevo che i miei figli subissero quello che ho passato io 25 anni fa, nel brutale periodo dei talebani al potere. Le scene di oggi all’aeroporto mi hanno riportato alla mente quei ricordi.”
“C’è un grande peso sul mio cuore. Come proteggerò la mia famiglia? La vita è ingiusta. Forse abbiamo i giorni contati e non so quando busseranno alla nostra porta. Ringrazio chi ha tentato di farci uscire dal paese, ma credo che questo non sia il modo giusto. All’aeroporto ci siamo sentiti come gettati di fronte ai lupi e ognuno faceva del suo meglio per sopravvivere. Ma siamo esseri umani, nessuno dovrebbe combattere contro gli altri e calpestare donne e bambini. Vogliamo un’evacuazione dignitosa! So che più a lungo resteremo a Kabul, più sarà pericolosa la situazione che dovremo affrontare, ma,
vedendo la mia famiglia traumatizzata e rischiando di perdere i miei figli nel caos, dopo più di 20 ore di attesa non abbiamo potuto fare altro che tornare a casa.”

Commenti FB

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version