Covid: l’80-90% dei pazienti in rianimazione non sono vaccinati

Lo afferma l'ordine dei medici. E dall'Istituto di virologia di Wuhan arriva l'avvertimento: il virus sta circolando troppo, ci saranno nuove varianti.

17

“I dati disponibili indicano che le persone che vanno in rianimazione per l’80-90% dei casi sono non vaccinate. E questa è una dimostrazione di quanto importante sia il vaccino”. Lo dice all’agenzia Adnkronos Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici. “Invito gli italiani che non vogliono vaccinarsi a fare una forte riflessione e a comprendere come queste malattie infettive richiedono a tutti noi un impegno importante, ovvero essere disponibili a vaccinarsi”, aggiunge. Il ministro della Salute Speranza, ha aggiunto Anelli, “ha già detto che noi siamo pronti per la terza dose, soprattutto per i fragili. Ricordo però che se si dovesse sviluppare una variante differente che crea problemi di resistenza al vaccino, rischieremmo di tornare indietro”. Ed è proprio di oggi la notizia che il virus del Covid “continuerà a mutare e il mondo dovrà prepararsi a conviverci”. E’ quanto ha affermato la virologa Shi Zhengli, capo dell’Istituto di virologia di Wuhan, esortando le persone a continuare a vaccinarsi. “Poiché il numero di casi infetti è diventato troppo grande, questo ha permesso al nuovo coronavirus di avere maggiori opportunità di mutare e nuove varianti continueranno ad emergere”, ha affermato la scienziata.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.