Omicidio al centro sportivo e ripetute violazione delle norme anti-covid, sospese due licenze

42

Il Questore di Milano, nell’ambito dell’attività di prevenzione, controllo del territorio e monitoraggio dei locali pubblici milanesi svolta dalla Polizia di Stato per contrastare i fenomeni di criminalità, ai sensi dell’art. 100 del T.U.L.P.S., venerdì 16 luglio ha decretato la sospensione di due licenze per la conduzione di esercizi commerciali. Si tratta del Circolo Sportivo “Agrisport” in via del Ricordo 58 dove, lo scorso 29 maggio, in occasione di un torneo di calcio, dopo una lite scaturita tra cittadini sudamericani, un giovane peruviano fu accoltellato a morte; e del “Bar Afandina Narghilè”, la licenza è stata sospesa per 10 giorni dopo i ripetuti interventi della Polizia di Stato per le segnalazioni di schiamazzi e musica ad alto volume provenienti dal locale di via Monte Ceneri 71: in occasione di tre controlli, infatti, il titolare del locale, frequentato abitualmente da persone con gravi precedenti di polizia, non aveva osservato le norme anti Covid e, lo scorso 10 giugno, nonostante una sanzione con chiusura di 5 gg da poco comminata e ancora in corso, aveva continuato a somministrare cibo e bevande.

Commenti FB
Articolo precedenteIn Lombardia 369 casi e un vittima
Articolo successivoGoletta dei Laghi, Lombardia: 9 punti “fortemente inquinati” e 4 “inquinati”
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.