Il ‘governo dei migliori’ cancella il cashback

Destra, PD e Italia Viva danno il via libera a Draghi per sospendere la misura anti - nero del governo Conte-2 che premiava con rimborsi fino a 150 € al semestre gli acquisti con la carta.

71

Il ‘governo dei migliori’ cancella il cashback, il programma avviato dal governo Conte-2 per incentivare i pagamenti elettronici e scoraggiare l’evasione che sarebbe dovuto ripartire a luglio. Per la precisione il rimborso fino a 150 euro al semestre con accredito diretto sul conto corrente viene ‘sospeso’ per “studiare dei correttivi per i diversi difetti della misura”. Il blitz sul cashback è arrivato dopo una rapida riunione dei capigruppo della maggioranza a Palazzo Chigi. Quindi PD, Iv, Lega e Forza Italia – contrari solo i Cinque stelle – hanno fatto saltare la novità introdotta dal precedente esecutivo giallorosa che aveva fatto scaricare a 9 milioni di italiani la app Io per registrare bancomat e carte di credito e ottenere così lo sconto sugli acquisti. Saranno pagate le somme accumulate fino al 30 giugno e poi stop. Sbloccati invece i licenziamenti, come chiede da tempo Confindustria. Una decisione ben più foriera di gravi conseguenze, a detta dei sindacati, che temono una vera e propria macelleria sociale. È lo stesso governo che ha approvato anche, come chiedeva la destra,  la maxi rottamazione delle cartelle fiscali.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.