Home News Grandine, viti distrutte nell’Oltrepò Pavese

Grandine, viti distrutte nell’Oltrepò Pavese

Acini spappolati e grappoli distrutti. È il risultato della grandinata che nelle scorse ore ha colpito i vigneti dell’Oltrepò Pavese. Nella serata di ieri, lunedì 28 giugno – spiega Coldiretti Pavia – chicchi di ghiaccio grandi come noci si sono abbattuti per diversi minuti sulle vigne, accompagnati da forti raffiche di vento. I tecnici Coldiretti sono impegnati nelle verifiche sul territorio: da un primo monitoraggio risulta che i Comuni più colpiti, ad ora, sono quelli di Zenevredo, Bosnasco e Montù Beccaria. Danni a macchia di leopardo si segnalano anche a Rovescala, San Damiano al Colle e Stradella, oltre che ai cereali della prima pianura nella zona di Arena Po. Su queste colline dell’Oltrepò Pavese – precisa Coldiretti Pavia – si coltivano un migliaio di ettari di vigneto, con produzioni di eccellenza come la Croatina e il Pinot Nero da cui nascono la Bonarda e il Metodo Classico. L’Oltrepò è la prima zona vitata della Lombardia, con oltre 13 mila ettari coltivati a vigneto. «I nostri tecnici si sono subito mobilitati per prestare assistenza alle aziende agricole colpite da questa violenta grandinata – afferma Stefano Greppi, Presidente di Coldiretti Pavia – Secondo le prime stime, nei territori colpiti dal maltempo i danni ai vigneti potrebbero arrivare fino a punte dell’80 per cento». In questo momento le viti sono nella fase di ingrossamento degli acini e di chiusura dei grappoli. Una grandinata ora – spiega Coldiretti Pavia – segna irrimediabilmente la stagione: nei vitigni più colpiti la produzione di quest’anno è compromessa, e anche quella della prossima stagione potrebbe essere pregiudicata. Siamo di fronte in Italia alle conseguenze dei cambiamenti climatici con una tendenza alla tropicalizzazione e il moltiplicarsi di eventi estremi, con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo che ha fatto perdere – conclude la Coldiretti – oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra cali della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne italiane

Commenti FB

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version