Home News Il pediatra: vaccinate anche i dodicenni

Il pediatra: vaccinate anche i dodicenni

Rocco Russo, pediatra e coordinatore del tavolo tecnico per le vaccinazioni della Società Italiana di Pediatria: "Conoscendo anche quelli che sono i rischi teorici, il beneficio è maggiore". Molti genitori sono dubbiosi.

“E’ importante comunque che non si infettino, anche perché non sappiamo quali potrebbero essere i danni del contatto del Sars-Cov-2 con il sistema immunitario di un bambino, anche se ha superato la malattia”. Lo dice Rocco Russo, pediatra e coordinatore del tavolo tecnico per le vaccinazioni della Società Italiana di Pediatria, a iNews24.it. Il medico spiega perché è importante vaccinare la fascia d’età dai dodici anni in poi, rispondendo ai dubbi dei genitori. “È ovvio che un organismo che viene a contatto con un virus, anche se ha superato la malattia, avrà una una sorta di impronta immunologica. E non sappiamo ancora se e quali danni potrebbe fare questo virus – aggiunge -. In secondo luogo, comunque sono stati riportati casi di decessi. Nel nostro Paese circa trenta ragazzi sono morti per il Covid. Le mascherine e il distanziamento hanno un giusto valore di prevenzione, ma dobbiamo lo stesso sfruttare l’arma aggiuntiva, che è appunto quella dei vaccini. Dobbiamo proteggere tutte le fasce d’età per evitare che il virus muti”, dice il pediatra. “Io ho vaccinato i miei figli che sono in questa fascia di età. Se avessi avuto un minimo dubbio non l’avrei fatto. E consiglierò ai genitori dei miei pazienti di fare il vaccino. Conoscendo anche quelli che sono i rischi teorici, il beneficio è maggiore e lo faccio con la massima consapevolezza”, continua Russo. “Il virus, anche se non è mortale per gli adolescenti, senza le vaccinazioni, continuerebbe a circolare. Non essendo protetti, potenzialmente potrebbero infettare i nonni o i genitori. L’altro valore aggiunto è che, proteggendo questa fascia d’età, potremo mandare a scuola ragazzi vaccinati, avendo il contenimento dei cluster che a settembre potrebbero verificarsi nei contesti scolastici”. Tanti dodicenni si sono già prenotati per il vaccino. Ma tanti altri non lo hanno ancora fatto. I genitori sono titubanti. “Prima voglio chiedere al mio pediatra” scrivono nelle chat di classe. Altri sono invece decisi: “No, mio figlio il vaccino non lo fa”.

Commenti FB

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version