Home News Morti sul lavoro, mercoledì sciopero degli edili a Bergamo

Morti sul lavoro, mercoledì sciopero degli edili a Bergamo

Dopo la morte di Maurizio Gritti e Marco Oldrati, deceduti in cantiere il 6 e l’8 maggio, le organizzazioni di categoria hanno proclamato uno sciopero con presidio davanti alla Prefettura: tra le richieste per incrementare la sicurezza anche il potenziamento degli organici degli organismi ispettivi.

Foto di Dimitris Vetsikas da Pixabay

Dopo la morte in appena tre giorni di due lavoratori della provincia di Bergamo, Maurizio Gritti e Marco Oldrati, entrambi deceduti in cantiere il 6 e l’8 maggio, per domani, 12 maggio, i  sindacati degli edili FILLEA-CGIL, FILCA-CISL e FENEAL-UIL provinciali hanno proclamato uno sciopero del settore: la mobilitazione si svolgerà le ultime due ore di ciascun turno, con un presidio dalle 16 alle 17 davanti alla Prefettura di Bergamo. Per le 16.30 è anche già fissato l’incontro con il Prefetto, a cui i rappresentanti sindacali presenteranno precise richieste per il settore dell’edilizia, tra i quali l’aumento degli organici degli organismi ispettivi. “Ancora una volta registriamo come il settore dell’edilizia sia il comparto più esposto e rischioso” avevano denunciato i sindacalisti in occasione del primo infortunio mortale di giovedì scorso. “Si muore ancora come 50 anni fa, anche sui cantieri: per cadute dall’alto, schiacciamento e movimentazione dei materiali, che sono tra le principali cause di infortunio. La positiva ripresa produttiva del settore dell’edilizia anche nella nostra provincia non può corrispondere, tragicamente, a un aumento degli infortuni o alla mancata attenzione al tema della sicurezza nei cantieri”. Per domani, poi, a livello nazionale, è  prevista l’iniziativa “Fermiamo la strage nei luoghi di lavoro” nel corso dell’Assemblea nazionale a cui parteciperanno i segretari generali Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri, ma anche delegati e rappresentanti per la sicurezza. L’incontro sarà trasmesso in diretta dalle ore 10 alle 12.30 sui siti istituzionali e sulle pagine Facebook dei tre sindacati confederali.

Commenti FB

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version